Tonno in scatola sotto accusa: ecco la classifica dei peggiori secondo Greenpeace

Tonno in scatola sotto accusa: ecco la classifica dei peggiori secondo Greenpeace

Greenpeace non perdona e così ecco che ha realizzato una classifica molto particolare, quella delle marche di tonno in scatola peggiori al mondo. Per qualità? Per gusto? per conservazione? chiederete voi… No, niente di tutto questo, ma una vera e propria lista di proscrizione di tutte quelle aziende che non…

Greenpeace non perdona e così ecco che ha realizzato una classifica molto particolare, quella delle marche di tonno in scatola peggiori al mondo. Per qualità? Per gusto? per conservazione? chiederete voi… No, niente di tutto questo, ma una vera e propria lista di proscrizione di tutte quelle aziende che non rispettano le regole della pesca.

In pratica solamente il 4% delle case di produzione e lavorazione rispetterebbero gli standard richiesta, mentre quasi tutte, compreso le più importanti, ricorrerebbero alla pesca con le reti anziché con la canna. In pratica, così facendo, metterebbero a rischio la riproduzione e il ripopolamento della specie, e verrebbero catturati gli esemplari di tonno più giovani, ma anche molti altri pesci che non servendo, verrebbero ributtati in mare. Insomma una strage. 

La classifica

 

Fra le peggiori marche di tonno, da questo punto di vista, secondo Greenpeace ci sarebbero le francesi Petit Naivre e Saupiquet.

Non va meglio per Carrefour e Auchan, e nella classifica compaiono anche gli italiani Mareblu RioMare, con un 6% dei prodotti che rispettano la pesca da canna. La marca più virtuosa è As do Mar, che, secondo gli ambientalisti, rispetterebbe i requisiti.

Resapubblicia.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy