Shock in casa Inter, buco clamoroso

Shock in casa Inter, buco clamoroso

Dal giorno del suo insediamento all’Inter, Thohir ha fatto tanto per risanare le casse nerazzurre. Un lavoro che, comunque, non è ancora arrivato al suo naturale epilogo. Anzi, la situazione è ancora piuttosto delicata. Nonostante la chiusura positiva dell’esercizio 2013/14 (con circa 33 milioni di attivo), l’Inter è ancora in…

Dal giorno del suo insediamento all’Inter, Thohir ha fatto tanto per risanare le casse nerazzurre. Un lavoro che, comunque, non è ancora arrivato al suo naturale epilogo. Anzi, la situazione è ancora piuttosto delicata. Nonostante la chiusura positiva dell’esercizio 2013/14 (con circa 33 milioni di attivo), l’Inter è ancora in gravi condizioni, economicamente parlando.

 

Più o meno, mancano all’appello oltre 100 milioni di euro (come riportato da Fcinternews), retaggio della vecchia conduzione e di vari debiti accumulati negli anni. Il patron Thohir ha in mente un progetto a lungo respiro per rimettere a posto, in maniera definitiva, la sua Inter ma, all’orizzonte, c’è l’incubo Uefa da affrontare.

Come riporta la Gazzetta dello Sport, il prossimo 7 novembre, il tycoon dovrà convincere Platini che la sua strategia di risanamento del club ha un senso ed evitare così pesanti penalità. Dall’interno del club fanno sapere di essere pronti ad accettare qualsiasi sentenza (“Vogliamo raddrizzare ciò che è andato storto in passato – ha spiegato il Ceo Bolingbroke – Qualunque sia la decisione della Uefa siamo pronti ad accettarla”), tuttavia è tanta la voglia di evitare ulteriori problemi.

Una situazione che, di fatto, blocca il mercato nerazzurro. Nonostante le parole dello stesso Thohir, bisognerà stare molto attenti, sia a gennaio che in estate. La vecchia regola di cedere qualcuno prima di acquistare sarà ancora legge. (Virgilio.it)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy