Rinnovi Juve, Lichtsteiner in bilico

Rinnovi Juve, Lichtsteiner in bilico

Stephan Lichtsteiner, a 30 anni, non avrebbe alcuna intenzione di lasciare la Juve, anche perché le sue scorribande in fascia destra risultano sempre utili e pure la fase di copertura da terzino non è malaccio, pur avendo bisogno di ulteriore controprove. Però i risultati sportivi e i conti economici, molto…

Stephan Lichtsteiner, a 30 anni, non avrebbe alcuna intenzione di lasciare la Juve, anche perché le sue scorribande in fascia destra risultano sempre utili e pure la fase di copertura da terzino non è malaccio, pur avendo bisogno di ulteriore controprove. Però i risultati sportivi e i conti economici, molto spesso, procedono su binari paralleli, non convergenti. Ecco perché se le 125 presenze con 11 gol a corredo farebbero del pendolino svizzero un elemento imprescindibile della squadra bianconera, la necessità di far quadrare i numeri in Corso Galileo Ferraris non va sottostimata.

 

SOLDI, SOLDI, SOLDI – E dunque le cifre non mentono: l’elvetico ha il contratto in scadenza a fine stagione, il suo entourage lavora per il rinnovo con Beppe Marotta, sulla scorta di telefonate e summit continui, ma l’attuale ingaggio di 2 milioni netti con i bonus per le vittorie non potrà essere rivisto al rialzo come nelle intenzioni dei procuratori del giocatore. In avvio di trattativa, anzi quando le parti non solevano parlarsi con frequenza, Lichtsteiner avrebbe voluto quasi raddoppiare il suo stipendio, sino a quasi 3,5 milioni. Le ultime news, invece, riferiscono di una possibile intesa, con tanto di firme auspicabili, su un nuovo contratto biennale ed emolumenti pari a 2,5 milioni a stagione per l’ex laziale. «Stiamo negoziando», la rassicurazione di Marotta che, tuttavia, ha sempre anteposto la logica dei parametri economici dell’azienda Juventus ai desiderata del giocatore. Nel frattempo i sondaggi dall’estero si moltiplicano senza soluzione di continuità: dopo Paris Saint-Germain e Arsenal, che per ora non sembrano propensi a spingersi oltre, riecco il Manchester City. Quello dei campioni d’Inghilterra, peraltro, è un interesse datato, visto che avevano iniziato a corteggiare Lichtsteiner ben prima che il club bianconero lo ingaggiasse dalla Lazio, nell’estate di tre anni fa.

CONTATTO PER ZAZA – Marotta, peraltro, per far quadrare i conti non potrà non valutare il sacrificio di uno dei giocatori controllati dalla Juve. E nel novero degli elementi a rischio figura anche Simone Zaza, l’attaccante legato al Sassuolo fino al 2018 ma che potrebbe essere ricomprato dai bianconeri (dopo che gli stessi hanno ceduto la loro metà del cartellino agli emiliani per i 7,5 milioni pagabili in tre anni) a cifre predeterminate nelle prossime due stagioni: 15 milioni nel 2015, 18 nel 2016. Ieri ci sarebbe stato un contatto milanese fra l’entourage della punta (che, tuttavia, smentisce) e i vertici del club campione d’Italia. La Juve sta già lavorando per il futuro.

 

Tuttosport.com

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy