Perugia, guai per il nuovo bomber Ardemagni: condannato a sei mesi a causa della Playstation

Perugia, guai per il nuovo bomber Ardemagni: condannato a sei mesi a causa della Playstation

Una condanna a sei mesi con pena sospesa. Guai giudiziari per Matteo Ardemagni, neo bomber del Perugia. La vicenda che risale al 12 aprile 2012, quando era tesserato del Modena, per una serata un po’ troppo animata a casa del compagno di squadra Jefferson Oliveira. Il caso Secondo quanto riporta…

Una condanna a sei mesi con pena sospesa. Guai giudiziari per Matteo Ardemagni, neo bomber del Perugia. La vicenda che risale al 12 aprile 2012, quando era tesserato del Modena, per una serata un po’ troppo animata a casa del compagno di squadra Jefferson Oliveira.

Il caso Secondo quanto riporta Bergamonews, Ardemagni, insieme a Francesco Signori, Jefferson Oliveira e Nicholas Caglioni hanno trascorso una serata in un residence con cena, risate e sfide alla playstation. I vicini, per il rumore eccessivo, hanno chiamato i vigili urbani. Ma i calciatori si sono rifiutati di farli entrare, sbattendolo la porta. A quel punto intervengono i carabinieri, ai quali i quattro si rifiutano di mostrare i documenti. Da qui la denuncia per resistenza a pubblico ufficiale e ora la condanna. Per la cronaca, nella partita successiva Ardemagni andò a segno ed esultò sventolando una paletta come quella in dote alle forze dell’ordine.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy