Mafia Capitale, Carminati intercettato: “Escort per i giocatori della Roma”

Mafia Capitale, Carminati intercettato: “Escort per i giocatori della Roma”

Prostitute e calciatori della Roma. Ne parlano, il 27 gennaio del 2012, Massimo Carminati e un uomo che si trovava a bordo della sua Smart. Scrivono i carabinieri che quest’ultimo, rimasto “non identificato”, «dal tenore della conversazione appare avere familiarità con il mondo del calcio e, segnatamente, con la squadra…

Prostitute e calciatori della Roma. Ne parlano, il 27 gennaio del 2012, Massimo Carminati e un uomo che si trovava a bordo della sua Smart.
Scrivono i carabinieri che quest’ultimo, rimasto “non identificato”, «dal tenore della conversazione appare avere familiarità con il mondo del calcio e, segnatamente, con la squadra di calcio A.S.Roma». È proprio il misterioso passeggero della Smart a rivelare al boss di «uno scandalo a luci rosse che vedeva coinvolte prostitute e alcuni giocatori della Roma». Non solo, l’uomo, racconta anche che la Roma sarebbe in procinto di grandi cambiamenti nell’organigramma societario (probabilmente alludendo al passaggio di testimone da Thomas Di Benedetto a James Pallotta nel ruolo di presidente del club, oppure all’addio del DS Franco Baldini che si consumerà il 5 giugno del 2013).
Proprio questa profonda conoscenza del pianeta calcio e, in particolare della Roma, spinge Carminati a chiedere, nella stessa conversazione, un favore al suo interlocutore: «una maglietta di un calciatore della Roma – scrivono i carabinieri – da regalare ad un amico, di nome Claudio, che stava morendo di tumore». Una t-shirt che verosimilmente sembra essere quella consegnata al boss da Stefano Pollak come da lui stesso annunciato in un’altra intercettazione risalente al 4 settembre 2012. In tale occasione Pollak riferisce direttamente a Carminati di essere riuscito a procurargli le magliette firmate dei calciatori “… per l’amico nostro …”. Nel frattempo da Trigoria fanno sapere di non essere a conoscenza di eventuali contatti tra i propri tesserati e gli uomini legati a Massimo Carminati ribadendo, inoltre, la totale estraneità della nuova proprietà con la questione Mafia Capitale. Ma non c’è solo la A.S.Roma nei pensieri del boss. Il 10 maggio del 2012, infatti, Marco Perina (al tempo vicepresidente del XX Municipio) invia 2 sms a Carminati per fargli presente che la S.S.Lazio disputerà una partita di beneficenza, in favore dell’associazione “Piccoli Passi”, alla quale avrebbe partecipato “il sindaco” e, così, gli chiede quanti biglietti gli deve riservare. Entrambe le società, come si evince dalle carte, non sono risultate coinvolte nell’indagine su Mafia Capitale.(Leggo.it)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy