Juventus, Allegri: “Sapete cosa penso?..”

Juventus, Allegri: “Sapete cosa penso?..”

TORINO – Sola contro tutti. Non è la prima volta che un allenatore descrive così la sua squadra. Nella storia recente rimase ad esempio impresso quel “rumore dei nemici” coniato da José Mourinho per fotografare la sua Inter come accerchiata. Ora è Massimiliano Allegri a sentirsi così: «Ci sono 60…

TORINO – Sola contro tutti. Non è la prima volta che un allenatore descrive così la sua squadra. Nella storia recente rimase ad esempio impresso quel “rumore dei nemici” coniato da José Mourinho per fotografare la sua Inter come accerchiata. Ora è Massimiliano Allegri a sentirsi così: «Ci sono 60 milioni di tifosi – dice l’allenatore dalle pagine del Corriere della Sera – 12 sono della Juventus, gli altri sono tutti contro. Ora me ne rendo conto». È facile immaginarsi il 47enne livornese mentre parla, probabilmente con tono pacato, sottolineando concetti che si sposano perfettamente con il pensiero del tifoso bianconero.

 

Le scorie di Juventus-Roma non sono ancora sopite. Allegri spiega: «La cosa che ha fatto più male al calcio italiano è che hanno parlato tanto degli episodi e poco della partita. Sotto l’aspetto tecnico è stata buona, intensa, bella da vedere». Insomma in casa Juve giustamente non vogliono che il big match dell’ultima giornata prima di questa infuocata sosta sia ricordato unicamente per le decisioni dell’arbitro Rocchi. Forse c’è anche un po’ di preoccupazione per quello che potrebbe capitare nelle prossime gare, con qualche fischio di troppo contro per evitare ulteriori polemiche. Il mister della Juventus punta infine il dito contro l’autolesionismo made in Italy. «Si evidenziano sempre le cose meno buone – aggiunge nell’intervista – Tutti dicono “Il calcio italiano fa schifo” ma nessuno fa niente perché migliori. Tutti dicono “Gli arbitri italiani sono i peggiori” poi li troviamo ad arbitrare la finale di Coppa del Mondo». (TMW)

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy