Juve, Agnelli attaccato

Juve, Agnelli attaccato

TORINO – «Platini spara sentenze, la verità è che non sa un ca…o». Il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini non le manda a dire e durante il programma La Zanzara su Radio 24 attacca tutti senza filtri: «Iachini? Ne ho cacciati così tanti di allenatori che mi sono stufato. Un…

TORINO – «Platini spara sentenze, la verità è che non sa un ca…o». Il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini non le manda a dire e durante il programma La Zanzara su Radio 24 attacca tutti senza filtri: «Iachini? Ne ho cacciati così tanti di allenatori che mi sono stufato. Un tempo lo avrei mandato via ma con l’età si diventa più saggi», ha detto il numero uno dei rosanero. «Non è vero che sto vendendo ai messicani. Sono venuti in Italia, ma si è parlato solo di sponsor. Gli stranieri vengono, sono interessati ma poi scoprono che l’Italia non è uno stato di diritto e non ci vengono.

 

Platini? Spara sentenze, non sa un c…o. Ho letto che è contro al moviola ma deve ricordarsi che fino a poco fa faceva il giocatore e sparare sentenze non è compito suo. Solo perché l’hanno nominato presidente dell’Uefa – aggiunge Zamparini – pensa di poter sparare, anche sul calcio italiano. Abbiamo già Blatter, questo svizzerotto che ci chiama razzisti e non venne neanche a premiarci al Mondiale . Ma quale lezione pensa di dare all’Italia da quel pulpito li, noi possiamo dare tante lezioni a lui. Platini è il francesino con la puzza sotto al naso, ci tratta come sudditi, è la loro mentalità, che parli di cavoli suoi dei francesi, non dobbiamo darci peso». Zamparini ha chiuso parlando di Tavecchio e Agnelli: «Lo hanno criminalizzato per una battuta, ma lo volevano attaccare perché è una lotta di potere tra il clan Agnelli e il clan Lotito. Ma ha ragione Della valle, gli Agnelli hanno preso tanto dall’Italia e poi via, come i piemontesi quando hanno detto che hanno liberato il sud, sono andati, hanno preso tutto e sono andati via. Marchionne può pagare le tasse dove vuole, ma non venga a farci lezioni su come si fa impresa in Italia. A me non piace la Fiat come centro di potere. Quindici anni fa la Fiat sembrava fallita, adesso è un colosso mondiale con la crisi dell’auto. Come mai? Forse sono nella cricca del Bilderberg, di quelle cose lì…».

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy