Finalmente sappiamo il perché

Finalmente sappiamo il perché

 Se ad un uomo si chiede quale sia la prima cosa che guarda in una donna, le risposte saranno le più fantasiose: dagli occhi alla simpatia, passando – in qualche raro e sincero caso – al lato B. Eppure è noto come il seno sia la prima cosa su cui…

 Se ad un uomo si chiede quale sia la prima cosa che guarda in una donna, le risposte saranno le più fantasiose: dagli occhi alla simpatia, passando – in qualche raro e sincero caso – al lato B. Eppure è noto come il seno sia la prima cosa su cui cadono gli occhi della popolazione maschile, almeno nella stragrande maggioranza dei casi. Perché? Come mai il decolletè attrae così tanto ragazzi e uomini maturi? A chiederselo, oltre a molte donne, magari non troppo prosperose, è stato anche il giornale tedesco Bild , che ha tentato di rispondere in modo scientifico.

 

Citando le analisi di due esperti, il ricercatore scientifico Larry Young e lo scrittore Brian R. Alexander, si è arrivati a questa spiegazione: Gli uomini nel contesto sessuale sono appagati dal seno“.

Dopo aver effettuato appositi test all’università di Sheffield e in Texas, è emerso come l’82% delle donne apprezzi massaggi e carezze proprio al decolletè, che aiuterebbero a rilassarsi e soprattutto raggiungere il piacere. Da qui l’impegno maschile a favore della propria partner. Ma è sufficiente tanta dedizione maschile a spiegare l’attrazione verso le curve femminili? In realtà esisterebbero almeno altre due buone ragioni a chiarire il motivo di tanto appeal del seno: la prima ha origini ataviche ed è da ricercarsi nell’ancestrale istinto maschile a trovare una compagna con la quale riprodursi e far proseguire la specie. In quest’ottica, una donna prosperosa è sinonimo di fertilità. Un concetto, però, non suffragato da dati scientifici ed anzi spesso smentito dai fatti (non si contano le belle donne dal seno prosperoso che non hanno potuto avere figli o hanno faticato, dalla Ferilli alla Clerici, tanto per rimanere ad esempi italiani).

Infine, esisterebbe altro fattore, anch’esso con radici antiche: la funzione principale del seno è quella di allattare – ricordano Young e Alexander – e nell’uomo l’istinto di sopravvivenza si manifesta, fin dalla nascita, proprio con l’allattamento e la nutrizione. Del resto esiste anche un fondo neurologico a queste teorie, spiegato dai due esperti con il “legame dell’allattamento o il legame tra l’ossitocina e la dopamina, che è l’ormone della felicità”.

Ma se per gli uomini il seno è sinonimo di felicità, cosa cercano le donne nell’altro sesso? Sempre secondo il giornale tedesco, che ha condotto un sondaggio qualche tempo fa, “lealtà e senso dell’umorismo sono qualità importanti nella scelta di un partner” anche se le donne sembrano essere alquanto affascinate da un uomo ai fornelli. Tutto qui? Non proprio, perché a essere particolarmente apprezzate sarebbero anche le qualità manuali degli uomini, come nei lavori di artigianato. Se cuochi e artigiani sarebbero tra i gettonati, non va però dimenticata l’importanza del denaro: gli economisti risulterebbero molto graditi al gentil sesso, così come gli sportivi. Ed eccoci arrivati, dunque, all’aspetto più prettamente “fisico”: i muscoli, specie se di atleti dediti ad arrampicata e mountain bike, continuerebbero ad esercitare un certo appeal. A seguire si troverebbero poi l’umorismo, la sensibilità, la capacità di discutere e confrontarsi, mentre al sesso sarebbe riservata un’importanza secondaria. C’è da crederci? (Panorama.it)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy