Tredicesima 2014: quest’anno sarà maggiore, ma il bonus di 80 euro si dovrà restituire?

Tredicesima 2014: quest’anno sarà maggiore, ma il bonus di 80 euro si dovrà restituire?

Grazie alla Riforma le modifiche inerenti al lavoro sono veramente tante, soprattutto per quanto concerne i contratti a tempo determinato e indeterminato, ma non solo poiché si pensa di estendere e definire anche la tutela alla maternità senza tener conto del contratto che si è in possesso. Nonostante le offerte…

Grazie alla Riforma le modifiche inerenti al lavoro sono veramente tante, soprattutto per quanto concerne i contratti a tempo determinato e indeterminato, ma non solo poiché si pensa di estendere e definire anche la tutela alla maternità senza tener conto del contratto che si è in possesso.

 

Nonostante le offerte di lavoro in Italia siano in ascesa si registrano ancora molte persone prive di un’attività lavorativa, ma si precisa che la Legge di Stabilità ha inserito una nuova normativa a favore della disoccupazione.

 

Ma un’altra buona notizia giunge sia per i lavoratori dipendenti che per i pensionati, tanto è vero che secondo quanto ha annunciato la CGIA di Mestre la tredicesima 2014 sarà più ricca, ma scopriamo dettagliatamente di che cosa si tratta.

 

La somma effettiva della tredicesima 2014 sarà sicuramente maggiore se consideriamo quella dell’anno 2013, difatti un operaio qualificato si troverà 12 euro in più, mentre un impiegato si troverà 13 euro in più, invece un capoufficio si troverà 20 euro in più.

 

Operaio qualificato: con una paga lorda annua poco più alta di 21.500 euro, la tredicesima 2014 sarà equivalente a 1.283 euro netti.

 

Impiegato: con una paga lorda annua che tocca i 26.200 euro, la tredicesima 2014 sarà di 1.445 euro netti.

 

Capoufficio: con una paga lorda annua approssimativamente di 50.000 euro, la tredicesima 2014 sarà di 2.544 euro.

 

Ma in tutto questo c’è anche il rovescio della medaglia, ovvero la tredicesima mensilità non godrà del bonus degli 80 euro inseriti da Matteo Renzi.

 

Tutti i lavoratori dipendenti che nell’anno 2014 hanno beneficiato del bonus inserito dal Premier Matteo Renzi non potranno avvalersi di questo vantaggio sulla tredicesima 2014, difatti non è previsto dalla legge. Addirittura non è da scartare l’idea che qualche lavoratore che ha riscosso il bonus lo debba rimborsare.

 

Si tenga presente che il bonus di 80 euro in più in busta paga va ad interessare i soggetti che non oltrepassano i 24mila e i 26mila euro, perciò se durante l’anno dovessero essere stati sorpassati questi limiti, escludendo il fatto che il datore di lavoro ne abbia preso coscienza, il rimborso di ciò che si è guadagnato avverrà basandosi mediante la sottrazione della busta paga del mese di dicembre.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy