Ecco perchè Vidal sarà in tribuna

Ecco perchè Vidal sarà in tribuna

TORINO – Vidal sta bene ma stasera a Sassuolo non ci sarà: «Arturo sta a Vinovo ad allenarsi e preparare la partita di Atene contro l’Olympiacos». Massimiliano Allegri, dunque, ha deciso di conservare il guerriero per la battaglia greca dove i bianconeri non possono concedersi più distrazioni dopo la sconfitta…

TORINO – Vidal sta bene ma stasera a Sassuolo non ci sarà: «Arturo sta a Vinovo ad allenarsi e preparare la partita di Atene contro l’Olympiacos». Massimiliano Allegri, dunque, ha deciso di conservare il guerriero per la battaglia greca dove i bianconeri non possono concedersi più distrazioni dopo la sconfitta di Madrid. Eppoi alla televisione inglese (BBC) ha ribadito: «Il Manchester United si rassegni, per quest’anno non si nuove, la società è stata chiara». Ma sul mercato, argomento tutt’altro che chiuso, torneremo dopo.

 

Questo, in sintesi, il momento Vidal. Rientrato a Torino dalla partita con la sua Nazionale resterà a Vinovo per allenarsi e ritrovare la condizione migliore. In Champions ci sarà bisogno di lui. O meglio: del miglior Vidal. Perchè la trasferta del Pireo si preannuncia terrificante. Non solo per il valore degli avversari che davanti ai loro tifosi nella prima giornata hanno battuto l’Atletico Madrid ma anche per l’ambiente. Farà molto caldo.

A CASA – Arturo, dunque, non è neppure stato convocato e resta a casa a lavorare. Non è una bocciatura, ci mancherebbe, ma un invito a recuperare il terreno perduto. Perchè in Europa, più che in Italia, c’è tanto bisogno della sua cattiveria agonistica per non ripetrere la figuraccia della passata stagione quando i campioni d’Italia furono cacciati nel girone eliminatorio. Il cileno seguirà una tabella personalizzata che gli permetterà di non forzare (almeno per ora) più del dovuto il ginocchio operato. Che è a posto ma va tenuto sempre sotto controllo. Se sta bene Vidal gioca sempre ma se non è al top (come in questo momento) ci sono altri giocatori che offrono più garanzie. Questo è il punto. Pereyra, per fare l’esempio più lampante, sino ad oggi ha giocato meno di quanto meritasse. E con il completo recupero di Pirlo là in mezzo la concorrenza è davvero agguerrita. Quindi dentro chi sta meglio e offre le maggiori garanzie.

MERCATO – Niente Manchester United? Mai dire mai. Adesso la Juve, intesa come società, non potrebbe sostenere il contrario. Ma se più avanti la trattativa dovesse riaprirsi sarà Marotta a dettare le condizioni. Nel senso che non sarà dato via a prezzo di saldo. Tutt’altro. Altrimenti resterà dove si trova ora. Anche perchè -assicurano voci bene informate sul mercato internazionale – il Real Madrid starebbe ripensando a lui. Si sa quanto piaccia il bianconero a Carletto Ancelotti nonostante le smentite di Florentino Perez che tende a depistare gli orientamenti. Addirittura i madridisti starebbero pensando di offrire in cambio Sami Khedira, 27 anni, nazionale tedesco conteso da tutti i più grandi club europei. Il campione, allora, continua ad avere estimatori e la società intende tutelare il suo patrimonio finanziario. Certo che i rapporti con il club campione d’Europa, dopo l’affare Morata, è molto buono. Questo non significa che Vidal passerà al Real Madrid ma, di sicuro, quella spagnola è una società ben vista dalle parti di corso Galileo Ferraris. (Tuttosport.com)

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy