Ecco la ricetta per la tua Paella Valenciana!

Ecco la ricetta per la tua Paella Valenciana!

La paella alla valenciana è un piatto della tradizione che arriva direttamente da Valencia. Si tratta di un piatto molto povero, legato alla tradizione contadina, che per questo contiene alcuni degli elementi che maggiormente erano a loro disposizione. La paella alla valenciana è un piatto ormai affermato in tutto il…

La paella alla valenciana è un piatto della tradizione che arriva direttamente da Valencia. Si tratta di un piatto molto povero, legato alla tradizione contadina, che per questo contiene alcuni degli elementi che maggiormente erano a loro disposizione. La paella alla valenciana è un piatto ormai affermato in tutto il mondo e soprattutto molto apprezzato, che viene realizzato con delle carni bianche arricchite con verdure di vario tipo. Il risultato è un piatto davvero molto gustoso e particolare, adatto per portare a tavola un piatto diverso dal solito. Vediamo, quindi, la ricetta per preparare una perfetta paella alla valenciana.

 

Ingredienti

  • 500 g di pollo
  • 500 g di coniglio
  • 150 g di fagioli bianchi
  • 200 g di peperone
  • 220 ml di passata di pomodoro
  • 100 g di taccole
  • 400 g di riso
  • 2 bustine di zafferano
  • 1,5 di brodo vegetale
  • Paprika dolce q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • Peperoncino q.b.

Preparazione

Per iniziare la preparazione della paella alla valenciana dovete partire proprio dalle carni, ovvero dal pollo e dal coniglio, che andranno tagliati in tocchetti di media dimensione, lasciando interi i cosciotti, così da rendere il vostro piatto di paella alla valenciana anche bello coreograficamente.

Fatto questo prendete una padella ben capiente, aggiungete abbondante olio extravergine d’oliva e mettetelo a scaldare. Quando questo sarà ben caldo aggiungete la carne di pollo e quella di coniglio. Salate e fate cuocere per una decina di minuti. Mescolate continuamente il pollo ed il coniglio per far si che la carne si rosoli perfettamente ma soprattutto per evitare che si bruci.

A questo punto dedicatevi alle taccole, che andranno tagliate in pezzi più piccoli, così come il peperone. Fate attenzione ad eliminare tutti i semi interni e tutti i filamenti bianchi contenuti all’interno del vostro peperone per evitare che finiscano poi all’interno della paella alla valenciana. Aggiungete sia i fagiolini che il peperone in padella. Fate saltare per una decina di minuti, continuando a mescolare.

Quando le verdure avranno iniziano ad appassire aggiungete anche i fagioli bianchi o cannellini. Solo per ultimo aggiungete la passata di pomodoro. Per dare modo al composto della paella alla valenciana di cuocersi per bene aggiungete anche il brodo di verdure. Non aggiungetelo tutto in una volta ma poco per volta in maniera tale da regolarvi con la quantità, che a seconda delle tipologie di riso utilizzato può anche cambiare. Condite con un po’ di sale, con il peperoncino, la paprika e lo zafferano e mescolate il tutto per bene.

A questo punto potete aggiungere anche il riso. Fate cuocere a fuoco allegro per circa 10 minuti, facendo attenzione che il brodo vegetale non si esaurisca. Quando notate che la paella alla valenciana è troppo asciutta aggiungete all’interno della padella ancora dell’altro brodo vegetale.

 

La paella alla valenciana sarà pronta quando il riso sarà cotto e la sua consistenza sarà abbastanza asciutto. A questo punto la vostra paella alla valenciana è pronta e non resta che portarla a tavola ancora ben calda per apprezzarla al meglio.

La paella alla valenciana è un piatto molto amato, che piacerà moltissimo agli amanti dei piatti unici ed a coloro che amano provare i piatti tipici di altre nazioni.

Consigli e varianti

La paella alla valenciana va realizzata utilizzando del riso arborio, ma se lo preferite andrà bene anche quello originale. Queste due tipologie, infatti, sono quelle che maggiormente tengono la cottura.

La paella alla valenciana è un ottimo piatto unico, ma in alternativa potete servire altri piatti a base di riso come ad esempio il risotto alla zucca, il risotto al radicchio, ilrisotto ai funghi, il risotto ai carciofi o il risotto agli asparagi. Tutti piatti molto buoni e saporiti. Come altri primi potete preparare ad esempio dei piatti più semplici, per essere sicuri di andare incontro a tutti i gusti possibili, come ad esempio dellapasta al forno, delle lasagne alla bolognese, delle lasagne alla norma, dellacarbonara o dell’Amatriciana o dei conchiglioni ripieni.

Conservazione

 

La paella alla valenciana si conserva in frigorifero per massimo 2 giorni, se coperta con della pellicola trasparente o chiusa all’interno di un contenitore ermetico. La paella alla valenciana potrà essere scaldata in microonde prima di essere servita oppure, per chi lo gradisse, potete portarla a tavola anche fredda. In quest’ultimo caso andrà uscita dal frigorifero almeno un’ora prima di servire il piatto.  (http://news.fidelityhouse.eu/)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy