Buffon racconta il suo dramma: “Ho avuto un periodo bruttissimo, un buco nero nell’anima”

Buffon racconta il suo dramma: “Ho avuto un periodo bruttissimo, un buco nero nell’anima”

Campioni si nasce, ma per rimanerlo a lungo il talento non basta. Serve anche tutto quello che ha Gigi Buffon, 37 anni, capitano alla 14ª stagione con la maglia della Juventus. “Il talento è frutto di doti naturali, di madre natura e dei geni dei genitori – esordisce il numero…

Campioni si nasce, ma per rimanerlo a lungo il talento non basta. Serve anche tutto quello che ha Gigi Buffon, 37 anni, capitano alla 14ª stagione con la maglia della Juventus. “Il talento è frutto di doti naturali, di madre natura e dei geni dei genitori – esordisce il numero uno bianconero al workshop organizzato dalla Randstad, sponsor della Juventus -. Ma è solo un’ottima base di partenza, va supportato con testa abnegazione e perseveranza, il rischio è quello di diventare un campione inespresso, un talento effimero”. Un rischio con il quale anche Gigi si è dovuto confrontare: “Di errori ne ho commessi molti, ma non li rinnego, ho sempre pagato dazio in prima persona per ogni cosa, questo mi ha dato modo di crescere e maturare. Se adesso avessi il carattere di quando avevo 17 anni sarei un cretino.

 

ACCIACCHI — Vent’anni dopo è tutto un altro Buffon: “Ci vogliono sacrifici e rinunce per durare a certi livelli, dopo i 30 anni ho aumentato l’attenzione alla cura del dettaglio e del mio fisico, faccio più attenzione e prevenzione di quando ero ragazzo. Avere qualche acciacco fa parte del gioco, ti ricorda di essere ancora un atleta, e io personalmente spero di averne ancor per un po‘”.

BATTUTA — C’è anche modo di scherzare sui momenti più difficili: “Ho affrontato anche dei periodi bui, un buco nero dell’anima, ma per fortuna ne sono uscito. Cosa mi ha aiutato? Le droghe… Ovviamente sto scherzando”. La Juve a vita, per diventare un simbolo senza tempo: “Ci sono momenti storici in cui capisci se devi cambiare aria oppure no. Ho avuto occasioni in cui potevo andare via, ma sono rimasto; il senso di appartenenza è un valore che emoziona. (gazzetta)

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy