Il Mondiale 2018 in bianco e nero – GIRONE H

Il Mondiale 2018 in bianco e nero – GIRONE H

Altro appuntamento con la nuova rubrica che si occuperà delle partecipanti al Mondiale 2018 di Russia. Presenteremo quotidianamente ogni gruppo, con i punti forti, punti deboli, il giocatore da tenere d’occhio e daremo qualche consiglio a Marotta.

di redazionejuvenews

Di Fabio Cirillo

MONDIALE 2018 – Sei triste perché il campionato è finito? Non disperare, quest’anno c’è il Mondiale di Russia a tenerti compagnia durante l’estate e, anche se purtroppo l’Italia non è riuscita a qualificarsi, non mancherà di certo lo spettacolo. Il torneo presenta un mix perfetto di nazionali già affermate e di outsider piene di voglia di stupire e di andare avanti, campioni con stipendi milionari e altri che giocano principalmente per passione. Insomma, gli amanti di questo sport di sicuro non si annoieranno; noi di Juvenews.eu abbiamo deciso di presentarvi ogni giorno un girone, tenendo conto dei punti forti e deboli, del percorso fatto durante le qualificazioni e dei calciatori da tenere d’occhio e che magari l’accoppiata Marotta-Paratici potrebbero portare alla Juve.

Oggi vi presentiamo il GIRONE H, formato da Colombia, Giappone, Polonia e Senegal; il girone più equilibrato di questo Mondiale 2018.

Il Mondiale 2018 in bianco e neroIl Mondiale 2018 in bianco e nero

#Il girone H – La Colombia

La Colombia dopo l’ottimo Mondiale brasiliano vuole confermarsi anche in quest’occasione; la qualificazione nonostante fosse cosa facile, è arrivata solo all’ultimo turno. Nelle ultime 4 gare mancavano 3 punti, ma solo un pareggio con il Perù gli ha consegnato il pass per la Russia; appena 21 gol in 18 gare per i cafeteros che con quel reparto offensivo, possono fare decisamente di più.
Il talento di un ritrovato James Rodriguez, grazie al Bayern, sarà il valore aggiunto di questa squadra; oltre al 10 ci saranno i soliti Falcao, Cuadrado e Muriel a finire un attacco sulla carta micidiale. In difesa il milanista Zapata è il titolare inamovibile ma anche l’apporto di Arias è da segnalare, così come l’ex Pescara Quintero.

SCHEDA TECNICA

Nome: Colombia
Ranking: 16
Girone: H
Modulo: 4231
Allenatore: Josè Pekerman
La stella: James Rodriguez
La sorpresa: Juan Quintero
Punto forte: La fantasia di James e la freddezza di Falcao, unita alla velocità degli esterni
Punto debole: La poca qualità dei due mediani costringeranno James ad abbassarsi troppo per far partire la manovra
Consigliato alla Juve: Santiago Arias, terzino destro del PSV molto interessante, veloce e propositivo

Mondiale 2018 - La Colombia vuole passare il turno grzie a James Rodriguez
Mondiale 2018 – La Colombia vuole passare il turno grazie a James Rodriguez

#Il girone H – Il Giappone

La squadra asiatica è la meno forte del girone ma non per questo è da considerare spacciata. Il Giappone è ormai una realtà importante fin da quando Zaccheroni ha importato un’idea di gioco molto precisa ed efficace. I samurai blu hanno vinto 6 delle 10 gare del girone, concludendo con miglior attacco e miglior difesa. Keisuke Honda e Shinji Kagawa saranno i giocatori che creeranno più problemi alle difese avversarie, con loro l’ex Inter Nagatomo sono i calciatori che daranno quel tocco di esperienza in più alla squadra. Il punto debole è la poca fisicità complessiva della squadra, l’altezza media della squadra non è altissima.

SCHEDA TECNICA

Nome: Giappone
Ranking: 60
Girone: H
Modulo: 4231
Allenatore: Akira Nishino
La stella: Shinji Kagawa
La sorpresa: Yoshinoro Muto 
Punto forte: La fantasia Kagawa e Honda; la compattezza arretrata
Punto debole: La poca fisicità della rosa
Consigliato alla Juve: Shinji Kagawa, centrocampista con un non ottimo trascorso al Manchester United, ora ritornato al Dortmund, dotato di grandissima tecnica

Mondiale 2018 - Il Giappone è la sfavorita nel Girone H ma vuole dire la sua
Mondiale 2018 – Il Giappone è la sfavorita nel Girone H ma vuole dire la sua

#Il girone H – La Polonia

I polacchi sono i favoriti di questo interessante girone. Lewandowski e compagni hanno vinto 8 partite del girone ma non in maniera netta, spesso hanno ottenuto vittorie rocambolesche e fortunate. La Polonia ha sfruttato una scappatoia del regolamento Uefa e ha evitato di fare amichevoli in modo da lasciare invariato il punteggio del ranking e il posto in prima fascia. Il centravanti del Bayern Monaco è solo la punta dell’iceberg di una formazione piena di talento: i napoletani Milik e Zielinski, il bianconero Szczesny e gli altri ‘italiani’ Linetty,  Bereszynski e Kownacki, sono solo alcuni dei calciatori interessanti del CT Nawalka, alla guida da 5 anni. Il terzino sinistro può essere un punto rivedibile della formazione polacca.

SCHEDA TECNICA

Nome: Polonia
Ranking: 10
Girone: H
Modulo: 4231
Allenatore: Adam Nawalka
La stella: Robert Lewandowski
La sorpresa: Piotr Zielinski
Punto forte: Il talento dei trequartisti aiuterà molto Lewandovski a finalizzare le azioni
Punto debole: Il terzino sinistro
Consigliato alla Juve: Lukasz Piszcek, il terzino del Borussia Dortmund è diventato un difensore completo, capace di ricoprire tutta la fascia destra ma anche il difensore destro di una difesa a 3.

Mondiale 2018 - La Polonia è la favorita del girone H
Mondiale 2018 – La Polonia è la favorita del girone H

#Il girone H – Il Senegal

La formazione africana è la mina vagante del girone, l’attacco è dotato di una velocità spaventosa e la difesa è retta da un muro di nome Koulibaly. Il percorso delle qualificazioni è stato segnato da uno storico episodio: la ripetizione della gara con il Sudafrica a causa di un arbitro corrotto; alla fine i leoni d’Africa hanno concluso da imbattuti e concedendo appena 3 gol agli avversari. Il tridente Niang, Keita e Manè può essere devastante in campo aperto con la loro velocità. Il grande difetto di questa squadra è l’assenza di palleggiatori in mezzo al campo che con la loro qualità possano innescare quei tre là d’avanti.

SCHEDA TECNICA

Nome: Senegal
Ranking: 28
Girone: H
Modulo: 4231
Allenatore: Aliou Cissé 
La stella: Kalidou Koulibaly
La sorpresa: Idrissa Gueye
Punto forte: La rapidità del tridente alle spalle della punta
Punto debole: Assenza di palleggiatori in mediana
Consigliato alla Juve:  Keita Baldè, ex Lazio ora al Monaco, in passato accostato ai bianconeri è un calciatore che da subentrante è capace di spaccare la partita.

Mondiale 2018 - Il Senegal è la mia vagante del girone
Mondiale 2018 – Il Senegal è la mia vagante del girone

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy