Il Mondiale 2018 in bianco e nero – GIRONE A

Il Mondiale 2018 in bianco e nero – GIRONE A

Altro appuntamento con la nuova rubrica che si occuperà delle partecipanti al Mondiale 2018 di Russia. Presenteremo quotidianamente ogni gruppo, con i punti forti, punti deboli, il giocatore da tenere d’occhio e daremo qualche consiglio a Marotta.

di redazionejuvenews

Di Fabio Cirillo

MONDIALE 2018 – Sei triste perché il campionato è finito? Non disperare, quest’anno c’è il Mondiale di Russia a tenerti compagnia durante l’estate e, anche se purtroppo l’Italia non è riuscita a qualificarsi, non mancherà di certo lo spettacolo. Il torneo presenta un mix perfetto di nazionali già affermate e di outsider piene di voglia di stupire e di andare avanti, campioni con stipendi milionari e altri che giocano principalmente per passione. Insomma, gli amanti di questo sport di sicuro non si annoieranno; noi di Juvenews.eu abbiamo deciso di presentarvi ogni giorno un girone, tenendo conto dei punti forti e deboli, del percorso fatto durante le qualificazioni e dei calciatori da tenere d’occhio e che magari l’accoppiata Marotta-Paratici potrebbero portare alla Juve.

Oggi vi presentiamo il GIRONE A, ritenuto uno dei più semplici, formati dai padroni di casa della Russia, Arabia Saudita, Uruguay e Egitto.

Il Mondiale 2018 in bianco e nero
Il Mondiale 2018 in bianco e nero

#Il girone A – La Russia

Ecco il primo girone del Mondiale 2018, la Russia dovrà mettercela tutta per non eguagliare il record negativo del Sudafrica come unica nazione ospitante a non superare la fase a gironi. Il sorteggio ha dato una grossa mano alla Nazionale di Cherchesov offrendo delle avversarie non imbattibili e soprattutto un calendario favorevole, con l’Uruguay solo all’ultima giornata.
La Russia si presenterà come la Nazionale più bassa nel ranking delle partecipanti, e si affiderà al solito 352 con il trentanovenne Ignashevic a comandare la difesa, mentre il talentuosissimo Golovin avrà le chiavi del gioco e insieme all’imprescindibile Dzagoev proveranno a servire il bomber del Krasnodar Fedor Smolov.

SCHEDA TECNICA

Nome: Russia
Ranking: 70
Girone: A
Modulo: 352
Allenatore: Stanislav Cherchesov
La stella: Alan Dzagoev
La sorpresa: Aleksandr Golovin
Punto forte: L’entusiasmo dei tifosi sarà il grande vantaggio della Russia.
Punto debole: La difesa russa non è delle migliori, giocare con una linea a 3 può rivelarsi una scelta avventata.
Consigliato alla Juve: Aleksandr Golovin, centrocampista classe ’96 sul quale si dice un gran bene.

Mondiale 2018 - I padroni di casa della Russia
Mondiale 2018 – I padroni di casa della Russia

 

#Il girone A – L’Arabia Saudita

I ‘figli del deserto’ non sono sicuramente i favoriti alla vittoria della competizione, ma vorranno di sicuro dire la loro. La qualificazione al Mondiale 2018 è arrivata dopo due round: nel primo i verdi hanno dominato il girone di qualificazione concludendolo da imbattuti con 6 vittorie e 2 pareggi; nel secondo hanno concluso dietro al Giappone, superando all’ultima giornata l’Australia, e ottenendo così la qualificazione diretta alla fase a gironi.
Una curiosità sull’Arabia Saudita riguarda il CT: per tutte le qualificazioni sulla panchina c’è stato Van Marwijk ma è stato poi esonerato in quanto non in possesso della residenza in Arabia, al suo posto ci sarà l’ex CT del Cile Juan Antonio Pizzi.
Al-Sahlawi rappresenta sicuramente la stella della squadra che si affiderà al suo estro per tenere lontani gli attaccanti avversari da una difesa solida ma spesso distratta, oltre al 10 ci sono anche due giocatori che hanno assaporato il calcio europeo, ovvero Fahad Al-Muwallad e  Yahya Al-Shehri, entrambi con esperienza in Liga rispettivamente con Levante e Leganes.

SCHEDA TECNICA

Nome: Arabia Saudita
Ranking: 66
Girone: A
Modulo: 4231
Allenatore: Juan Antonio Pizzi
La stella: Mohammad Al-Sahlawi
La sorpresa: Yahya Al-Shehri
Punto forte: La compattezza e le ripartenze
Punto debole: La difesa
Consigliato alla Juve: –

Il Mondiale 2018 in bianco e nero - L'Arabia Saudita
Il Mondiale 2018 in bianco e nero – L’Arabia Saudita

 

#Il girone A – L’Egitto

L’Egitto è la outsider del girone A, per uno storico passaggio del turno si affidano alla stella Momo Salah. L’attaccante del Liverpool è reduce da una stagione da incorniciare conclusa però in malo modo, costretto ad abbandonare la finale di Champions dopo pochi minuti per un infortunio. Per colpa dello scontro con Sergio Ramos, l’ex Roma molto probabilmente sarà costretto a saltare la prima giornata contro l’Uruguay, la gara dove meno peserà l’assenza perché è la squadra più forte del girone e quindi con la quale è lecito perdere punti. La qualificazione è arrivata grazie ad un rigore del 10 a tempo scaduto contro il Congo all’ultima giornata, un sogno calcistico. A guidare i faraoni ci sarà Hector Cuper, vecchia conoscenza del calcio italiano, che schiererà un 4231 in modo da esaltare la velocità degli esterni. La scommessa è Ramadan Sobhi, attaccante esterno classe ’97; mentre la certezza è il centrocampista Elneny.

SCHEDA TECNICA

Nome: Egitto
Ranking: 45
Girone: A
Modulo: 4231
Allenatore: Hector Cuper
La stella: Mohammed Salah
La sorpresa: Ramadan Sobhi
Punto forte: La velocità nelle ripartenze e la compatezza del reparto arretrato
Punto debole: Poca esperienza della rosa a livello internazionale
Consigliato alla Juve: – 

Mondiale 2018 - L'Egitto è l'outsider del girone A
Mondiale 2018 – L’Egitto è l’outsider del girone A

#Il girone A – L’Uruguay

I sudamericani sono i netti favoriti alla vittoria del girone, la rosa è nettamente superiore alle altre e l’affiatamento del gruppo ormai solido è ben definito. Cavani e Suarez sono i giocatori che spiccano e senza dubbio rappresentano il punto forte della rosa. La qualificazione è stata una ‘passeggiata’, la squadra di Tabarez ha concluso al secondo posto del girone con 31 punti alle spalle dell’inarrivabile Brasile; un fattore importante da segnalare è la pericolostità dei due centrali in situazioni di calcio da fermo, Godin e Caceres hanno realizzato 3 reti a testa.
Gli uruguaiani faranno di tutto per regalare al CT un’ultima gioia prima di lasciare la guida a causa della sindrome di Guillain-Barré che gli è stata diagnosticataIl centrocampo ‘italiano’ formato da Vecino, Torreira e Bentancur danno tanta qualità alla squadra e insieme all’esperienza dei vari Muslera, Rodriguez e Godin, oltre che alla coppia Cavani-Suarez, formano un mix molto interessante. Occhio a Nahitan Nandez, centrocampista del Boca Junior che potrà fare molto bene come sostituto di Rodriguez

SCHEDA TECNICA

Nome: Uruguay
Ranking: 14
Girone: A
Modulo: 442
Allenatore: Oscar Tabarez
La stella: Edinson Cavani – Luis Suarez
La sorpresa: Nahitan Nandez
Punto forte: L’accoppiata Cavani-Suarez; i calci da fermo, il dinamismo.
Punto debole: La scarsa qualità della panchina non permetterà ai titolari di rifiatare
Consigliato alla Juve: José Maria Gimenez, difensore classe ’95 dell’Atletico Madrid, forte fisicamente e veloce nei primi passi.

Mondiale 2018 - L'Uruguay è la favorita del girone A
Mondiale 2018 – L’Uruguay è la favorita del girone A

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy