Conte punta Bernardini

Conte punta Bernardini

Antonio Conte chiude oggi il giro delle prime volte dopo la maxi squalifica. Ha vinto a Palermo (rientro assoluto), ha superato il turno in Coppa Italia (di nuovo a bordo campo sul terreno amico) e ora puntaforte sul «non c’è due senza tre» per la prima panchina casalinga di campionato,…

di redazionejuvenews

Antonio Conte chiude oggi il giro delle prime volte dopo la maxi squalifica. Ha vinto a Palermo (rientro assoluto), ha superato il turno in Coppa Italia (di nuovo a bordo campo sul terreno amico) e ora punta
forte sul «non c’è due senza tre» per la prima panchina casalinga di campionato, contro l’Atalanta. Fuori lo squalificato Bonucci, il separato in casa Lucio e gli infortunati Pepe e Bendtner, è possibile che almeno inizialmente non giochi nemmeno Vidal, non ancora a posto  dopo la botta al ginocchio rimediata mercoledì scorso. E allora si scalda Pogba, verso la quarta maglia da titolare nelle ultime cinque partite. In attacco,
sicuro Giovinco, mentre fra Vucinic e Quagliarella il ballottaggio resisterà fino a questa mattina, ma il montenegrino è favorito.Dietro, tocca aMarrone guidare la difesa con Barzagli e Chiellini ai suoi lati.

Bernardini nel mirino Classifica a parte, Conte ha intanto uno  stimolo in più. Lui, infatti, dalla panchina non ha mai visto perdere la sua Juve in Serie A. E’ di fatto imbattuto da 39 partite:  le 38 della scorsa stagione,
più la trasferta di Palermo. E se oggi i bianconeri faranno risultato, Conte raggiungerà Bernardini, 40 gare senza sconfitte fra il 1954-55 e il 1955-56.  Davanti, poi, resterebbe solo Fabio Capello, che prese inmano
il Milan nell’estate del 1991 e in due stagioni mise insieme 57 risultati utili consecutivi. Era il Milan degli invincibili, che a quella striscia sommò lo  0-0 col Parma del 26 maggio 1991: in panchina c’era però Arrigo Sacchi.

La Gazzetta dello Sport

Juvenews

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy