“Alex viene massacrato”

“Alex viene massacrato”

Ecco, AlessandroDel Piero ha scoperto in fretta che c’è qualcosa che dall’altra parte del mondo funziona come nella vecchia Europa: anche in Australia picchiano i più bravi. Il fatto è che lì i più bravi sono unpaio, al massimo tre e quindi le botte se le prendono tutte loro. Del…

di redazionejuvenews

Ecco, AlessandroDel Piero ha scoperto in fretta che c’è qualcosa che dall’altra parte del mondo funziona come nella vecchia Europa: anche in Australia picchiano i più bravi. Il fatto è che lì i più bravi sono un
paio, al massimo tre e quindi le botte se le prendono tutte loro. Del Piero in campo ha sempre accettato i falli e li ha anche commessi. In Australia la sportività è di casa, ma di calci Ale ne sta prendendo un po’ troppi. Nell’ultima partita casalinga, vinta per 1-0 contro la capolista
Central Coast Mariners, l’ex bianconero è stato picchiato più volte e per questo motivo ha dovuto saltare l’ultimo impegno dell’anno ad Adelaide
(oggi alle 9.30 italiane). E in suo soccorso è intervenuto Frank Farina, l’allenatore del Sydney FC: «Alessandro ha preso brutte botte al polpaccio nella gara di giovedì e non è in grado di scendere in campo ad
Adelaide. Ha subito otto-dieci falli duri durante la partita. È un durissimo colpo per noi e un peccato per la gente di Adelaide: credo che ci debba essere una maggiore protezione per lui in campo. Abbiamo un
gioco molto fisico qui, ma Del Piero è ripetutamente preso a calci e se si continua così salterà molte partite per infortunio. Speriamo che sia in grado di recuperare in tempo per la prossima trasferta a Perth».

Numeri australiani Finora il bilanciodi Del Piero nella A-League è il seguente: 11 presenze su 13 giornate (quella di oggi è la 14ª), 877 minuti giocati, 5 gol, un assist, 18 tiri nello specchio della porta, un fuorigioco, 17 falli commessi, 2 cartellini gialli. Il Sydney, grazie al
successo contro i Central Coast Mariners, è «salito» al penultimo posto con 13 punti, ma la sesta posizione, quella che qualifica ai playoff, è distante appena 3 lunghezze.

La Gazzetta dello Sport

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy