TUTTOSPORT – Conte senza giovani. La Primavera non dà frutti

TUTTOSPORT – Conte senza giovani. La Primavera non dà frutti

TORINO – Sorensen e nulla più, o quasi. Il difensore danese classe ‘92 ha un primato. E’ l’unico giocatore uscito dal settore giovanile della Juve negli ultimi 4 anni a essersi ritagliato un posto in A: a Bologna. Le recenti, cocenti eliminazioni patite dalla Primavera di Zanchetta tra Coppa Italia…

TORINO – Sorensen e nulla più, o quasi. Il difensore danese classe ‘92 ha un primato. E’ l’unico giocatore uscito dal settore giovanile della Juve negli ultimi 4 anni a essersi ritagliato un posto in A: a Bologna. Le recenti, cocenti eliminazioni patite dalla Primavera di Zanchetta tra Coppa Italia e Viareggio Cup riportano all’occhio un dato significativo: al di là dei risultati, di fatto dal vivaio non sono usciti giocatori pronti. Per la Juve in prima battuta, e per la massima serie in generale. E se di Pogba ce n’è uno su un milione e se l’asticella per dimostrarsi all’altezza di un posto nella Juve di Conte è stata alzata a livelli monstrum , d’altro canto non si può non notare il rovescio della medaglia, di fronte a una prima squadra dominatrice da anni in Italia. Va fatto un distinguo tra i tanti giovani di talento di proprietà della Juve, ma strappati alla concorrenza quando già si trovavano a vedersela con i grandi (da Boakye a Zaza , da Gabbiadini a Berardi ), e quelli che sono passati almeno per un periodo significativo all’interno del settore giovanile bianconero. I vari Marchisio, Giovinco, De Ceglie, Marrone , ma anche Immobile e Fausto Rossi , sono frutti di un vivaio che è cambiato radicalmente negli ultimi anni; e badando agli under 23, quello di Sorensen è l’unico nome presente nei tabellini contiani , oltre a Bouy , ora all’Amburgo.

 

 

Proprio nell’anno della sua esplosione (18 presenze complessive), anche altri suoi compagni di Primavera furono chiamati in causa da Del Neri , specialmente in un’Europa League presto abbandonata, considerando anche l’infinita lista di infortuni che aveva colpito l’autunno bianconero nel 2010: qualche gettone lo conquistarono anche Buchel, Camilleri, Giandonato, Gianetti, Libertazzi e Liviero . Poi il vuoto, fino allo spezzone di gara di Beltrame l’anno passato contro il Genoa.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy