Mazzola:”Ferita ancora aperta”

Mazzola:”Ferita ancora aperta”

Duecento sedili di uno stadio valgono più dei 31 morti della tragedia di Superga. È quanto si evince dalla decisione del giudice sportivo Tosel che, preso atto del referto degli 007 federali presenti al derby, ha così stabilito: «25mila euro di multa al Torino per aver i suoi sostenitori, nel…

Duecento sedili di uno stadio valgono più dei 31 morti della tragedia di Superga. È  quanto si evince dalla decisione del giudice sportivo Tosel che, preso atto del referto degli 007 federali presenti al derby, ha così stabilito: «25mila euro di multa al Torino per aver i suoi sostenitori, nel corso della gara, gravemente danneggiato  nel proprio settore un centinaio di seggiolini, un separatore di settore nonché locali adibiti a servizi igienici». Sedili che, secondo le testimonianze di alcuni presenti in curva, erano in  parte mancanti già prima della gara, rimossi o non ancora sostituiti dopo la «spaccata» dei tifosi napoletani.

Striscione E lo striscione becero  esposto nella curva sud dai tifosi bianconeri per oltre dieci minuti, prima di venire rimosso, con il seguente testo: «Noi di Torino orgoglio e vanto, voi solo uno schianto», quanto vale? 10mila euro. Con la seguente motivazione: «Per avere i suoi sostenitori esposto per  una decina di minuti, dal 20’ del primo tempo e fino alla rimozione da parte degli steward su disposizione della società ospitante, uno striscione  di una ventina di metri, insultante per i tifosi avversari e  per la memoria di ogni sportivo ». Poco da aggiungere, se non che da oggi è quantificabile
l’insulto più infame e vigliacco in 10mila euro, il conto da  pagare a chi voglia a questo  punto esporre striscioni di qualsiasi genere. Tanto più se passano  il filtraggio in uno stadio di proprietà, nonostante Agnelli si sia dissociato.

Apprezzamento Su tutti le parole di Sandro Mazzola, orfano  nella tragedia di papà Valentino. «Mi ha causato grande dolore leggere  quelle parole: mi hanno riaperto una ferita. E’ il  segno che siamo un Paese caduto molto in basso. Sotto tutti gli  aspetti. Cosa rispondere a quelli che l’hanno esposto? Che sono  indegni di dirsi tifosi di alcuna squadra e non dovrebbero entrare in alcuno stadio,masolo  guardare nell’abisso che hanno dentro. Anche i valori dello  sport vengono calpestati?». Mazzola ha apprezzato l’intervento di Agnelli: «Me lo aspettavo. So che anche Giovanni  Agnelli guardava le partite del grande Toro ed apprezzava quella squadra irripetibile»

La Gazzetta dello Sport

Juvenews

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy