Buffon è insuperabile

Buffon è insuperabile

Le squadre vincenti, da sempre, si costruiscono sull’asse centrale: un ottimo portiere, un ottimo difensore centrale, un ottimo centrocampista e un grande attaccante. Alla Juventus queste componenti ci sono tutte, ma di base se hai un portiere come Gigi Buffon vai sul sicuro: perché poi ti vale anche parecchi punti…

Le squadre vincenti, da sempre, si costruiscono sull’asse centrale: un ottimo portiere, un ottimo difensore  centrale, un ottimo centrocampista e un grande attaccante. Alla Juventus queste componenti ci sono  tutte, ma di base se hai un portiere come Gigi Buffon vai sul sicuro: perché poi ti vale anche parecchi punti in più a stagione.

STIMOLI – Lo stesso portierone bianconero, qualche tempo fa, aveva ammesso di aver perso gli stimoli negli ultimi anni e di aver sfiorato la depressione. Dal 2006 in poi, dallo tsunami calciopoli in poi, il numero uno non  era più riuscito a vedere la luce in fondo al tunnel. La Signora non riusciva più ad essere competitiva e lui aveva paura di finire la  carriera sotto la Mole senza più vincere nulla. Ma soprattutto senza vedere più una squadra in grado di imporre il proprio gioco come in passato. Ed invece tutto questo s’è materializzato grazie  ad Antonio Conte e all’ottimo lavoro fatto dalla società sul mercato.

DECISIVO – Ed ecco che come per magia gli stimoli sono ricomparsi e Buffon è tornato ad essere uno dei migliori portieri del Mondo. Come prima del 2006. Se ne sono accorti in molti durante questa stagione ma se  n’è accorta ieri l’Atalanta. Ma soprattutto se n’è reso conto Denis che ha “sul groppone” il gol mancato del possibile pareggio. Quello che avrebbe potuto cambiare il volto di una partita che dopo due minuti, grazie al gol di Vucinic, era già incanalata. L’attaccante argentino, grazie ad un clamoroso errore di Marrone, s’è trovato a tu per tu con il portiere bianconero ma nonostante avesse tutta la porta spalancata s’è fatto ipnotizzare. Buffon, con un guizzo da campione, gli ha negato la gioia del gol effettuando  una di quelle parate che valgono punti.

IMBATTIBILITA’ – Il numero uno bianconero è certamente il baluardo di una difesa granitica. Una difesa che su azione in serie A non prende gol da 515 minuti. Da quella rete realizzata da Cascione al 25′ minuto della sfida giocata il 10 novembre allo stadio Adriatico di Pescara. Da quel momento in poi soltanto Robinho, su rigore, è riuscito ad avere la meglio su Buffon. Un tiro decisivo che ha regalato i tre punti al Milan. MIGLIORE – Avere Buffon è una sicurezza, dicevamo. Difatti non è un caso che la Juventus abbia la migliore difesa del campionato con solo 10 reti subite. Difficile superare una difesa granitica composta da tre giocatori della Nazionale Italiana come Barzagli, Bonucci e Chiellini. Ma se alle loro spalle c’è un portiere del suo calibro, la missione per gli avversari, ogni partita, si fa impossibile.
OTTO – In pratica, provando a dare i numeri, il portiere campione d’Italia, in campionato, non prende gol da 419 minuti effettivi. Dal rigore di Robinho in poi. Però, tenendo conto anche della Champions League (gara contro lo Shaktar) e della coppa Italia (ottavi di finale contro il Cagliari) la sua imbattibilità sale a 599 minuti. Nelle ultime
otto gare Buffon ha preso gol soltanto dagli undici metri.

Il Corriere dello Sport

Juvenews

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy