Zaza: “Il gol al Napoli decisivo per lo Scudetto”. E a Salerno lo vogliono sindaco

Zaza: “Il gol al Napoli decisivo per lo Scudetto”. E a Salerno lo vogliono sindaco

L’attaccante lucano ha parlato della sua prima stagione con la maglia della Juventus e della possibilità di venir convocato da Antonio Conte

2 commenti

TORINO – Non solo l’obiettivo gli Europei, per Simone Zaza si prospetta un futuro da politico? Non per forza, ma questo è quanto sperano a Salerno, dove è stata lanciata la candidatura del centravanti bianconero per la carica di sindaco della città campana.

Zaza sindaco

«Simone l’unica vera alternativa» lo slogan con cui viene proposto il nome di Zaza per Salerno, ovviamente una provocazione firmata da qualche tifoso granata vista la rivalità che c’è tra i tifosi del Napoli e quelli della Salernitana.

Nel frattempo Simone Zaza è stato intervistato a Vinovo quest’oggi dai colleghi di Sky Sport ed è tornato proprio su quel famoso gol dello Juventus Stadium decisivo per la corsa Scudetto: «Abbiamo vinto il campionato con tanti punti di distacco ma quello è il gol che ci ha permesso di staccarci dal Napoli. Penso che sia stata una batosta per loro dal punto di vista psicologico e un’iniezione di fiducia per noi. Ho vinto il mio primo scudetto, quindi la stagione è positiva. Non ho rimorsi né rimpianti, perché quando sono stato chiamato in causa, a parte la partita contro il Genoa quando sono stato espulso, ho dato sempre il massimo e penso di aver fatto bene. Chiaramente spero di poter giocare sempre di più qui alla Juve, anche se è normale che con tanti compagni di reparto forti sia difficile trovare spazio. Se sono migliorato? Allenandosi con dei campioni non potrebbe essere altrimenti. Ho imparato a usare meglio il destro, a giocare in un modulo con due punte, ad essere più paziente… Devo crescere ancora sotto tanti aspetti dal punto di vista tecnico e per quanto riguarda il carattere devo dosare meglio le mie emozioni».

Conclusione finale per il sogno Europeo, con Zaza che si augura una chiamata dal Commissario Tecnico Antonio Conte: «Spero di far parte del gruppo azzurro perché ho fatto con il mister e i compagni un percorso di due anni durante il quale siamo cresciuti molto, anche se l’ultima partita non è andata bene e ha evidenziato i nostri difetti. Siamo una bella squadra, siamo uniti e se daremo il meglio di noi potremo fare un buon Europeo». Nel frattempo, diversi compagni di squadra di Zaza potrebbero lasciare Torino: CONTINUA A LEGGERE 

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Juventino - 11 mesi fa

    I tifosi del Napoli (noti in tutta Italia come napulilli), credono di poter competere con la Juve, che ha più di 30 scudetti in più, invece di essere più modesti e competere con squadre al suo livello. Con soli due scudetti vinti nella Storia (vinti peraltro in un campionato falsato da un loro calciatore squalificato per doping), possono solo competere con squadrette alla loro portata, ma non pronunciare Juventus. Persino la Pro Vercelli ha vinto 7 scudetti e tutti onestamente, senza ricorrere a sostanze chimiche. La distanza tra Napoli e Salernitana è di soli 2 scudetti. Quella tra Napoli e Juventus è di oltre 30 scudetti. Non amo il Sud, ma sono stato tante volte in Campania per vacanze. Rispetto a Napoli, Salerno è la Svizzera. Forza Juve e grazie Salerno per gli apprezzamenti al nostro Zaza!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. mastiffs1_699 - 11 mesi fa

    Io direi “Solo la rivalità dei tifosi della Salernitana nei confronti del Napoli”, visto che ai napoletani della Salernitana frega poco e niente. Pensate che i salernitani celebrano ancora il gol di Lazzaro al 94° di 14 anni fà. State messi male mi sà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy