Virdis: “Serve la tecnologia anche nel calcio”

Virdis: “Serve la tecnologia anche nel calcio”

“E’ ora che i capoccioni dell’Uefa capiscano che nel calcio serve la tecnologia. Tutti gli altri sport ce l’hanno. Adesso anche gli allenatori si sono convinti della moviola, pur se le polemiche arbitrali ci sono sempre state”. Queste le dichirazioni rilasciate da Pietro Paolo Virdis, indimenticabile bomber di Juventus, Milan…

“E’ ora che i capoccioni dell’Uefa capiscano che nel calcio serve la tecnologia. Tutti gli altri sport ce l’hanno. Adesso anche gli allenatori si sono convinti della moviola, pur se le polemiche arbitrali ci sono sempre state”. Queste le dichirazioni rilasciate da Pietro Paolo Virdis, indimenticabile bomber di Juventus, Milan e Cagliari, ai microfoni dell’emittente umbra Radio Onda Libera.
Fanno più notizia gli attacchi agli arbitri che l’andamento del campionato?
“Ci saranno sempre le polemiche, specie finché non si prende atto che la tecnologia serve e può prevenire certe situazioni”.
Lo scudetto è ormai un discorso chiuso?
“Il campionato non è finito semplicemente perché in fondo non è mai iniziato: la Juve è troppo forte per tutti. Ci ha provato la Roma, all’inizio anche il Napoli, però non c’è storia”.
Ha ragione Capello nel sostenere che la Serie A italiana è di basso livello?
“Lo testimoniano le difficoltà delle nostre squadre in Europa. Da noi non vengono più i giocatori importanti, è un fatto dettato specialmente dalla crisi economica”.
Come rilanciare il calcio italiano?
“Puntando sui settori giovanili con investimenti più costanti. Prendete il Milan: lo sta facendo ora come mai in passato”.

 

Il Milan è in crescendo: può farcela contro l’Atletico Madrid?
“Sta migliorando, è vero. Sarà durissima e dovrà intanto non prendere gol cercando di stare attento in difesa”.
La Fiorentina è arrabbiata e perde qualche colpo…
“Ma rinunciare a Borja Valero è complicato visti gli equilibri che assicura. Sta facendo bene e compete”.
La Lazio risponde sul campo alle diatribe fra i tifosi e Lotito: bravo Reja?
“Sì perchè riesce a isolare la squadra da tutto il resto”.
Il Parma vanta 14 risultati utili consecutivi e ha infilato 4 vittorie di fila in trasferta: sente profumo d’Europa?
“Credo di sì. C’è un ambiente ottimo dove i giocatori rendono al massimo con bravi dirigenti e Donadoni che sta facendo davvero un gran lavoro. E’ una squadra che ha giocatori di qualità e talento”.
Scelga un attaccante da Oscar…
“Dico Manolo Gabbiadini della Sampdoria. E’ cresciuto tanto e si vede che ha i mezzi”.

FONTE: TUTTOMERCATOWEB

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy