Una rete di bontà: sold out allo Juventus Stadium per la “Partita del Cuore”

Una rete di bontà: sold out allo Juventus Stadium per la “Partita del Cuore”

Si è aggiunto Fabio Aru all’impressionante cast della 24ª Partita del Cuore, di scena questa sera allo Stadium (calcio d’inizio alle 21.15, dopo lo show di Arturo Brachetti) e su RaiUno (dalle 20.30), con incasso devoluto alla Fondazione Piemontese per la ricerca sul cancro e alla Fondazione Telethon per le…

Si è aggiunto Fabio Aru all’impressionante cast della 24ª Partita del Cuore, di scena questa sera allo Stadium (calcio d’inizio alle 21.15, dopo lo show di Arturo Brachetti) e su RaiUno (dalle 20.30), con incasso devoluto alla Fondazione Piemontese per la ricerca sul cancro e alla Fondazione Telethon per le malattie genetiche. La rivelazione dell’ultimo Giro d’Italia, chiuso al secondo posto alle spalle di Contador, giocherà nella Nazionale Cantanti con i vari Barbarossa, Belli, Britti, Fabi, Gazzè, Masini, Ruggeri, Il Volo, Fragola, Moreno, Clementino e Rocco Hunt. Aru incrocerà i tacchetti con i Campioni per la Ricerca, allenati dall’ex juventino Brio: tra gli altri Liam Gallagher degli Oasis, Jack Savoretti, Gary Dourdan di C.S.I., i piloti di MotoGp Lorenzo e Dovizioso, Andrea Agnelli, John Elkann, Allegri e l’ex Pallone d’Oro Nedved.

 

L’altro illustre esordiente è Davide “Boosta” Dileo, anima e tastiere dei Subsonica, già terzino sinistro della Dinamo Rock: «Io l’ho presa seriamente, pur contando sulla presenza alla Partita del Cuore di un defibrillatore. Nelle ultime tre settimane ho corso a giorni alterni per due o tre chilometri. Sì, forse mi manca qualcosina per essere all’altezza degli oltre 3 mila chilometri macinati da Aru durante il Giro d’Italia».

Il torinese e torinista “Boosta” è, con l’ex portiere (anche) del Toro Sorrentino, l’unica quota granata in una partita a forti tinte bianconere: «Sento aria di derby — prosegue Dileo — Se temo il confronto con Del Piero? Ovviamente sì, ma come dicono i calciatori veri: “Farò quello che mi chiederà il mister”. Ramazzotti ha ottenuto di lasciare la Nazionale Cantanti per unirsi ai suoi idoli bianconeri? Peccato, era il nostro elemento più forte, ma il calcio moderno è anche questo. Evitiamo di fare i romantici…». Oltre al danno, la beffa: i Cantanti dovranno fare a meno del brasiliano ex campione del mondo Leonardo: «Spiace per il forfait, gli avremmo chiesto di coprirci le spalle — commenta il “subsonico” — Lui in difesa e noi tutti all’attacco. Inutile dire che chiunque di noi sogna di segnare un gol allo Stadium. Magari con una sgroppata alla Bruno Peres, ma ci sarebbe il rischio di lasciarci le penne e di non potersi godere il replay. Meglio un tiro da centrocampo, un gol alla Quagliarella».

A proposito, la casa della Juve sarà sold out: ultimi 200 biglietti (su 41mila) disponibili sul circuito Listicket, dopodiché si potrà aiutare la ricerca soltanto attraverso l’sms solidale 45509 (2 euro dal cellulare, 5 o 10 euro dal telefono fisso). Torino vuole superare se stessa, battendo l’incasso-record stabilito proprio dallo Stadium nel 2013: 1.758.205 euro complessivi. Ma comunque vada sarà un successo: «Proprio così — conclude Boosta — Questo è un periodo strano, a Torino in questi giorni si avvertono furori urbani assortiti ma anche altissime punte di empatia. Apriamo il rubinetto della solidarietà. Noi giullari siamo pronti a far ridere il popolo». (repubblica.it)

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy