Totti ammette: “La Juve fa un campionato a parte, purtroppo…”

Totti ammette: “La Juve fa un campionato a parte, purtroppo…”

TORINO – Non segnava all’Olimpico dall’8 aprile dello scorso anno. Parlare di tabù per un calciatore che ha infranto tutti i record della storia della Roma in tema di marcature (e non) era forse eccessivo ma certamente il gol numero 231 in campionato di Totti, segnato in casa, ha regalato…

TORINO – Non segnava all’Olimpico dall’8 aprile dello scorso anno. Parlare di tabù per un calciatore che ha infranto tutti i record della storia della Roma in tema di marcature (e non) era forse eccessivo ma certamente il gol numero 231 in campionato di Totti, segnato in casa, ha regalato più di un sorriso al capitano giallorosso: «Era tanto che non segnavo davanti alla mia gente ma le cose importanti sono i tre punti e la prestazione della squadra. Abbiamo fatto una gara di testa, spirito e sacrificio. È una Roma bella, cinica, che vuole dimostrare il proprio valore. L’importante è tornare in Europa. Se continuiamo così ci riusciremo anche perché sono convinto che possiamo dire la nostra fino alla fine». Già, perché il pensiero del numero dieci non è all’ennesima rete siglata ma alla Juventus che a Cagliari, per più di un’ora ha sofferto lasciando presumere che potesse lasciare qualche punto per strada: «Sta facendo un campionato a parte, sono i campioni in carica e stanno dimostrando tutto il loro valore ma dietro hanno una Roma che non molla: fino alla fine gli daremo filo da torcere. Poi se di fronte hai una squadra che non perde mai è difficile. Un applauso alla Juve, è la più forte d’Italia». Il successo dei bianconeri non toglie il buonumore a Totti: «La rovesciata di Florenzi? Se dovessi fare io un gol del genere smetterei subito perché non mi rialzerei più da terra. Complimenti ad Alessandro, ha fatto uno dei gol più belli della A».

ATTEGGIAMENTO DA GRANDE
Quello di Maicon, invece, non sarà stato tra i più belli del campionato per finalizzazione ma per costruzione (azione di prima Totti-Dodò-Florenzi) ha poco da invidiare ad altre reti: «Garcia ci aveva chiesto di vincere e chiudere così al meglio il girone d’andata. Abbiamo disputato una bella partita, con l’atteggiamento giusto, da grande squadra. I quattro gol sono il frutto del buon lavoro fatto in settimana». Solleticato sul quesito se sia meglio guardare alla Juventus o al Napoli, il brasiliano preferisce glissare: «Pensiamo partita per partita, ora c’è il Livorno. Dobbiamo essere pronti per fare una grande gara. Poi vedremo cosa potremo raccogliere».

(fonte Il Messaggero)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy