Tevez a Immobile: “Sei da Juve”

Tevez a Immobile: “Sei da Juve”

TORINO – Signor Tevez, al di là della rivalità nella classifica marcatori vissuta a suon di gol e al di là di qualche scaramuccia passata, da derby: cosa pensa di Ciro Immobile? Sa, per metà è un giocatore della Juventus e il suo futuro è tutto da definire… «Beh, perché…

TORINO – Signor Tevez, al di là della rivalità nella classifica marcatori vissuta a suon di gol e al di là di qualche scaramuccia passata, da derby: cosa pensa di Ciro Immobile? Sa, per metà è un giocatore della Juventus e il suo futuro è tutto da definire… «Beh, perché no? Mi piacerebbe giocare con lui. E’ giusto dire che sta facendo molto bene, anzi: sono i numeri che lo dicono. E’ giovane e ha gia segnato 16 gol in Serie A, non è mica facile!». Papale papale. Scatta insomma l’endorsement di Tevez, un vero signore. Uno sportivo d’eccezione. E la caviglia malconcia dopo l’entrataccia che l’Apache aveva subito dall’attaccante granata durante il derby d’andata? E le polemiche e le vicendevoli accuse tramite social network? Tutto dimenticato. Così come si alza immediatamente dopo aver subito un fallo, così Carlitos è pronto a voltar pagina dopo contese verbali in nome del rispetto delle qualità ed in nome di una sana rivalità sportiva.

 

DOPPIETTA Una sana rivalità sportiva che – a quanto pare – è vissuta più all’esterno che all’interno visto e considerato che l’Apache continua imperterrito – ed evidentemente convinto – a ripetere che «per me la classifica dei marcatori non è importante, la cosa che mi interessa di più è invece vincere con la squadra. Quest’anno ho l’occasione per conquistare il mio primo scudetto e anche la mia prima Europa League, l’unico trofeo per club che mi manca. Dunque sono focalizzato soprattutto su questo doppio obiettivo». Si vede, peraltro, che è focalizzato. Concretamente e prepotentemente deciso a fare la sua parte e dare il meglio. A proposito: «Il miglior Tevez degli ultimi anni, dite? Può essere, sì. Sto vivendo un buon momento, un momento importante. Quando sono arrivato in Italia, nella Juventus, mi sono subito ambientato e mi sono trovato a mio agio, i risultati si vedono. Sto cercando di dare il massimo».

fonte: tuttosport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy