RETROSCENA – Bale era ad un passo dalla Juve

RETROSCENA – Bale era ad un passo dalla Juve

TORINO – Prosegue la trattativa che porta il gallese Gareth Bale al Real Madrid, siamo ai dettagli, ma alla fine “Questo matrimonio s’ ha da fare”. La cifra del trasferimento è quella che ormai tutti sappiamo cioè 100 milioni di Euro. Cifre assurde, fuori dalla logica umana specialmente poi in…

TORINO – Prosegue la trattativa che porta il gallese Gareth Bale al Real Madrid, siamo ai dettagli, ma alla fine “Questo matrimonio s’ ha da fare”. La cifra del trasferimento è quella che ormai tutti  sappiamo cioè  100 milioni di Euro. Cifre assurde, fuori dalla logica umana specialmente poi in questo periodo di crisi finanziaria italiana e non solo. Di certo l’ esterno “ex Tottenham” non lo scopriamo noi, infatti da quasi 4 anni è presente sui taccuini dei dirigenti delle più grandi squadre europee. Molte sono le società che col tempo hanno bussato alla porta degli Spurs: Real Madrid, Barcellona, Chelsea, Inter, Milan, Juve etc. etc.

 

Ma andiamo per ordine, correva l’ anno 2010, la Juve era nel pieno di un cambiamento radicale nei vertici dirigenziali.  Il 17 maggio 2010 il neo presidente Andrea Agnelli allontana Alessio Secco, Renzo Castagnini e Roberto Bettega ed assume Giuseppe Marotta, nel ruolo di Direttore Generale, e Fabio Paratici, nel ruolo di Coordinatore dell’area tecnica; Jean-Claude Blanc torna a ricoprire il solo ruolo di Amministratore Delegato. Come allenatore viene chiamato il tecnico della Sampdoria  Luigi Delneri.

Voi direte: “Che senso ha questa storia con il passaggio di Bale al Real Madrid?”. Ebbene si tutto questo ha un senso, scoprirete un’ “Agghiacciande” verità che farà male, molto male.

 

Piccolo Rewind, l’ ex Roberto Bettega era in contatto con il Tottenham. Il club inglese era interessato ad alcuni giocatori bianconeri.

 

Proseguiamo. La Juve della stagione 2009/2010 era una squadra senza grinta, rabbia, senza una logica di gioco; difatti chiuse la stagione, per poi ripetersi nella successiva, al settimo posto. In quella stagione arrivarono nuovi giocatori tra cui udite udite: Jorge Andrés Martínez, Miloš Krasi?, Marco Motta per un costo totale di 32 milioni di Euro. In quel periodo la dirigenza juventina era interessata, e non poco, al futuro “mister 100 milioni” Gareth Bale. La trattativa portata avanti da Bettega un anno prima era ad un buon punto, tant’è che si parlava di uno scambio di giocatori: Vincenzo Iaquinta  per Gareth Bale. Sì sì, lustratevi gli occhi, Bale alla Juve in cambio di Iaquinta. Oggi come oggi sarebbe pura utopia, ma 3 anni fa lo scambio “alla pari” era assai fattibile.

 

La trattativa alla fine saltò perchè Bale non volle sbarcare in una Juve disastrata di quegli anni dopo i fallimenti della gestione Blanc-Secco-Cobolli Gigli. Ma la decisione definitiva la prese dopo un colloquio con il mister Delneri. Il difensore in quella brevissima chiacchierata  non capì una sola parola e alla fine decise di rimanere nella sua amata Inghilterra.

 

 

Fonte: Fantagazzetta.it

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy