Quella STRAORDINARIA dozzina

Quella STRAORDINARIA dozzina

TORINO – E 12. La Juve di Conte continua a vincere e a macinare record. Dodici vittorie consecutive, sempre più grandi, sempre più nella storia. La macchina bianconera funziona alla perfezione. Non basta l’infortunio di Bonucci all’ultimo minuto o l’autogol di Barzagli a far inceppare il meccanismo. Quisquiglie paragonate alla…

TORINO – E 12. La Juve di Conte continua a vincere e a macinare record. Dodici vittorie consecutive, sempre più grandi, sempre più nella storia. La macchina bianconera funziona alla perfezione. Non basta l’infortunio di Bonucci all’ultimo minuto o l’autogol di Barzagli a far inceppare il meccanismo. Quisquiglie paragonate alla forza esplosiva degli undici in campo. Un Vidal mostruoso insieme a Pogba, Tevez, LLorente, Asamoah, Lichtsteiner. Guidati da quello che erroneamente definiamo il “vice Pirlo” ma che basterebbe solamente chiamare Marchisio. I tre di difesa non sono certo da meno. Ogbonna ottimo sostituto del titolarissimo Bonucci – fermato da un problema alla coscia – insieme a Barzagli e Chiellini. In porta l’inesauribile Buffon, protagonista anche oggi di parate di livello tecnico assoluto. In totale 11, ma se sommiamo anche il re del gruppo, della Juventus, Antonio Conte ecco che arriviamo a 12.

Come le vittorie collezionate fino ad ora dal momento più buio di questa stagione, quei 15 minuti a Firenze che, vedendoli adesso, sono stati ossigeno per i vuoti polmoni di una squadra che, probabilmente, aveva abbassato un po’ la guardia.
La Samp ci prova a interrompere la galoppata bianconera. Il secondo tempo è quasi tutto tinto di blucerchiato. Ma il fato vuole altro. Vuole una Juve sempre più in alto, sempre più luminosa, sempre più grande. Roma e Napoli sono avvisate, dovranno fare molto di più di quello già fatto per far paura alla “vecchia Signora”.

juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy