PRUDENZA – Il ritorno di Asamoah (dove più gli piace)

PRUDENZA – Il ritorno di Asamoah (dove più gli piace)

ASAMOAH, ritorno con prudenza

PRUDENZA – Ritorno ad Udine, con prudenza. La parola chiave, nel ritornare al terreno di gioco, per Asamoah, è sempre e solo la stessa: prudenza. Massima prudenza, dopo la ricaduta alla fine dello scorso campionato, che lo ha costretto al freno a mano tirato per tutto il ritiro precampionato. Asamoah ieri in amichevole ha giocato una manciata di minuti, una ventina, ma può doppiamente stappare una bottiglia. Il tempo è dalla sua parte: può, con la necessaria prudenza, tornare in forma pian piano, aiutato dalla pausa di campionato.

AL CENTRO (DI UDINE) – Con il secondo motivo di festeggiamento subito servito: tornerà a giocare nel suo ruolo originario, dove è stato ammirato ad Udine. Allegri sulla fascia sinistra si sente coperto: Alex Sandro sta confermando le sue qualità, Evra è una garanzia. Asamoah, adattato, seppure con profitto, sulla corsia mancina, potrà nuovamente esprimere la sua fisicità prepotente: Allegri ha in mente un centrocampo muscolare, che sappia stritolare le velleità avversarie per poi ripartire immediatamente, affidandosi alle giocate di Hernanes. Asamoah scalpita, la Juve lo aspetta. E, sul terreno di gioco, lo aspetta la sua vecchia mattonella, sulla mediana, lontano dalla corsia sinistra, un ritorno, solo ideale, ad Udine.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy