Pippo baudo: ” Pirlo è come me. COnte deve gridare di meno”

Pippo baudo: ” Pirlo è come me. COnte deve gridare di meno”

Intervistato su Tuttosport, Pippo Baudo ha parlato di Juve e Catania. In particolare, con riguardo alle origini della sua passione per la Juve: “Mi sono appassionato alla Juventus grazie a un mio compagno di classe: lui tifava Toro e io, per sfidarlo, ho scelto la squadra rivale per eccellenza. Guardo…

Intervistato su Tuttosport, Pippo Baudo ha parlato di Juve e Catania. In particolare, con riguardo alle origini della sua passione per la Juve: “Mi sono appassionato alla Juventus grazie a un mio compagno di classe: lui tifava Toro e io, per sfidarlo, ho scelto la squadra rivale per eccellenza. Guardo meno partite di un tempo, ma le gare di Catania e Juve non me le perdo quasi mai. Ho gioito per la qualificazione dei bianconeri in Europa League, però non ho ancora digerito la sconfitta dei siciliani contro il Sassuolo. Dopo anni bellissimi, i ragazzi di Maran mi stanno facendo soffrire. Il mio cuore è così diviso: 51% Catania, 49% Juventus. Nell’armadio di casa accanto alle tre divise del Catania, custodisco gelosamente la 10 di Del Piero. È stato un regalo di Agnelli e Marotta“.

 

 

 

Su Del Piero, Baudo dice: “Lo ammiro tantissimo: grande campione, ragazzo educato. Meritava di essere salutato in modo diverso dalla Juve, magari con una partita in suo onore. Invece… niente. L’addio a Del Piero è l’unico rimprovero che posso fare ad Agnelli. Per il resto, Andrea si è dimostrato un grande presidente, illuminato nelle scelte e subito vincente”.
Ma ci sono anche altri idoli: “Sono legatissimo a Giampiero Boniperti, con cui ancora sono in contatto. Ma se devo scegliere un uomo solo, dico Carlo Parola. Mi affascinavano le sue rovesciate. Una volta, per imitarlo, mi sono fratturato le braccia”.

Su questo Catania-Juve: “Mi avvicino con un mix di tristezza e felicità: è una sfida tra ricchi e poveri. Mi dispiace tanto per il presidente Pulvirenti, che è davvero tifosissimo. Qualche tempo fa ci siamo incrociati all’aeroporto e l’ho incoraggiato. Purtroppo certi giocatori per una provinciale sono come gioielli insostituibili: se li perdi, si fa dura”.
Un paragone con Pirlo, con riguardo al suo momento televisivo: “Beh, ultimamente la televisione mi ha messo un po’ da parte. In Rai vorrei vedere meno cucina e più cultura. Ho 77 anni, ma fino agli 80 voglio lavorare. Sento dire che Baudo ha fatto il suo tempo. Lo dicevano anche di Pirlo, al Milan… Ecco, sogno un ritorno come Andrea: alla Juve si è riacceso. È un monumento, basta vedere come calcia le punizioni. La palla è come se fosse la sua amica ideale: contro Genoa e Fiorentina ha sfoderato due magie straordinarie. Mi fa piacere sentire che rimarrà ancora alla Juventus. Lodi o Pirlo? Lodi calcia bene, ma Pirlo è un altro mondo. Sono di due categorie diverse. Lodi me lo tengo stretto per il Catania, ma alla Juve non lo vedo nemmeno come vice di Pirlo”.

Tevez o Llorente?: “Di Tevez mi fanno impazzire i gol impossibili. Mentre Llorente mi ha stupito: temevo fosse un bluff, invece è un bel centravanti. Ha una forza enorme e di testa la prende sempre”.

Capitolo PogbaPogba. Settantotto milioni sono tanti e sono convinto che un bravo dirigente come Marotta li saprebbe reinvestire per comprare altri campioni. Raiola è un furbacchione, un po’ mi fa paura. Valorizza i giocatori al massimo, anche se certe volte te li fa pagare il doppio di quel che valgono. I Raiola esistono anche nel mondo dello spettacolo, ma non fatemi fare i nomi”.

Infine su Conte e Buffon: “Conte somiglia a Paolo Bonolis. Sono due eclettici, amano parlare ed essere protagonisti. Le interviste di Conte sono uno spettacolo. Ad Antonio consiglierei soltanto di stare un po’ più tranquillo e di gridare di meno. Detto questo, è un allenatore fantastico. Lasciarlo andare via sarebbe un grande danno per la Juventus. Ma ci perderebbe anche lui. Buffon sarebbe un’ottima spalla per un “Attenti a quei due”.

(Tuttojuve.com)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy