Pedullà: “La Juve si assicura Palmer-Brown”

Pedullà: “La Juve si assicura Palmer-Brown”

TORINO – Nelle ultime ore circola con insistenza l’indiscrezione secondo cui la Juventus avrebbe messo gli occhi sul giovane difensore statunitense Erik Palmer-Brown. Il noto giornalista ALfredo Pedullà, tramite il suo sito, ha tracciato un profilo di questo promettente calciatore: “Dopo aver salutato Michael Bradley, che ha fatto ritorno nella…

TORINO – Nelle ultime ore circola con insistenza l’indiscrezione secondo cui la Juventus avrebbe messo gli occhi sul giovane difensore statunitense Erik Palmer-Brown. Il noto giornalista ALfredo Pedullà, tramite il suo sito, ha tracciato un profilo di questo promettente calciatore:  “Dopo aver salutato Michael Bradley, che ha fatto ritorno nella Major League Soccer per sposare la causa del Toronto, e a venti anni esatti dallo sbarco patavino dell’eccentrico pioniere Alexi Lalas, l’Italia del calcio si prepara a valutare un nuovo rappresentante degli Stati Uniti d’America, molto dipenderà dalla crescita del fulgido prospetto in questione. Stiamo parlando di Erik Palmer-Brown, il sedicenne difensore che la Juventus si è di fatto assicurata nelle scorse ore, un’operazione condotta da Maurizio Franzone e che verrà perfezionata dopo la chiusura del mercato. Nato a Napoleon, in Ohio, il 24 aprile del 1997, il centrale, oltre a rappresentare il più giovane esordiente di tutti i tempi con la maglia del forte Sporting Kansas City (che lo scorso dicembre ha vinto la sua seconda MLS), è anche l’unico appartenente alla nidiata ‘97 attualmente presente nei roster delle squadre partecipanti alla massima competizione statunitense per club.

Munito già di un ottimo fisico, 184 centimetri per 76 kg, peraltro suscettibile di ulteriori miglioramenti anche in altezza, dal momento che la carta d’identità lascia ancora ampi margini, Erik da cinque anni a questa parte milita nei Wizards e da poco ha firmato il suo primo contratto da professionista. Le cronache a stelle e strisce ne parlano come di un predestinato, non a caso – pur essendo stabilmente nel giro della Nazionale Under 17 – ha già ricevuto una prima chiamata dall’Under 20 Stars & Stripes, a riprova del fatto che, in presenza di talento, qualsiasi tappa può essere bruciata. L’offerta della dirigenza bianconera è di 250 mila dollari al compimento del suo diciottesimo anno, fino ad allora il giocatore resterà nel Kansas City, questa per lo meno è l’intesa raggiunta in queste ore. Ad ogni modo, ormai non ci sono dubbi: nel futuro di Palmer-Brown c’è la  Juve, gli osservatori dei campioni d’Italia in carica scandagliano il mercato, a 360 gradi e senza confini, per mettere le mani sui potenziali migliori interpreti del domani. A costi, ancora, contenuti”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy