Mutu-Chelsea, la FIFA condanna la Juve a pagare. Pronto il ricorso

Mutu-Chelsea, la FIFA condanna la Juve a pagare. Pronto il ricorso

l caso riguardante Adrian Mutu era recentemente scomparso dalle principali attenzioni mediatiche, ma questo non ha minimamente significato che la vicenda giudiziaria, in questi mesi, non sia proseguita. Al centro della questione il trasferimento dal Chelsea alla Juventus, con il giocatore che era poi stato scoperto positivo ad un test…

l caso riguardante Adrian Mutu era recentemente scomparso dalle principali attenzioni mediatiche, ma questo non ha minimamente significato che la vicenda giudiziaria, in questi mesi, non sia proseguita. Al centro della questione il trasferimento dal Chelsea alla Juventus, con il giocatore che era poi stato scoperto positivo ad un test antidoping. Per il fatto Mutu fu multato dalla Federazione inglese e squalificato per sette mesi, ma la Juventus, nonostante tutto, decise comunque di acquistarlo.

 

 

 

Al momento dell’acquisto la società bianconera aveva però già esaurito i posti disponibili per i giocatori extracomunitari, dunque decise di tesserarlo attraverso il Livorno: Mutu, a conti fatti, giocò con la Juve a partire dalla stagione successiva, quella del 2005-2006. Il Chelsea ha però contestato l’ingaggio così avvenuto, e la Federazione mondiale, lo scorso 24 aprile 2013, ha dato ragione ai blues, considerando la Juventus obbligata in solido con Mutu nel pagamento al club londinese dei danni derivanti dal licenziamento per grave inadempimento del calciatore, quantificati in 17 milioni. Esclusi interessi.

Ma la Juventus non ha la minima intenzione di pagare, e questo è quanto riportato nell’ultima relazione trimestrale, dove la Juve ha depositato appello contro il provvedimento della FIFA dinanzi al Tas:  ”La presentazione dell’appello sospende l’esecutività del provvedimento. Si attende la fissazione dell’udienza da parte del collegio arbitrale. La decisione sulla fifasi fonda su precedenti vicende giudiziarie derivanti dal licenziamento, nel 2005, del calciatore Mutu da parte del Chelsea a seguito dell’assunzione da parte del calciatore stesso di sostanze stupefacenti. Tali vicende evidentemente, hanno visto coinvolti esclusivamente il Chelsea e Mutu, non avendo Juventus, in alcun modo, indotto il giocatore all’inadempimento verso il Chelsea che ha portato alla risoluzione del suo contratto di lavoro“.

(CANALEJUVE)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy