MERCATO – Osvaldo chiama la Juve

MERCATO – Osvaldo chiama la Juve

MILANO – Osvaldo vuole la Juventus. Amore, al momento, non contraccambiato, considerato che per il club la decisione di riportare a Torino l’argentino sei mesi dopo non averlo riscattato dal Southampton potrebbe essere vista come una scelta di… retroguardia. Però, da qui al 2 febbraio, manca una vita (almeno in…

MILANO – Osvaldo vuole la Juventus. Amore, al momento, non contraccambiato, considerato che per il club la decisione di riportare a Torino l’argentino sei mesi dopo non averlo riscattato dal Southampton potrebbe essere vista come una scelta di… retroguardia. Però, da qui al 2 febbraio, manca una vita (almeno in base ai parametri del mercato) e le granitiche certezze odierne potrebbero non essere tali tra un paio di settimane. Osvaldo però nello spogliatoio bianconero continua ad avere buoni, se non addirittura ottimi, amici (in primis Carlos Tevez che si è presentato a Milano per la sua cena di compleanno) e anche tra i tifosi è ancora amatissimo: è vero che ha segnato soltanto un gol con la Juve in campionato (e due in Europa League), ma è stato quello che ha griffato lo scudetto dei 102 punti con la vittoria all’Olimpico sulla Roma (11 maggio): episodio che l’interessato avrebbe voluto pure “ricordare” ai tifosi giallorossi con una maglietta sfottò (“Vi ho purgato ancora”), rimasta occultata perché, nonostante il gol segnato, poi l’Inter ha perso 4-2 con la Roma (30 novembre). Il tutto è valso comunque un’altra medaglietta per i tifosi bianconeri, vista l’acerrima rivalità con i sostenitori giallorossi.

 

Il Signor No – Osvaldo aspetta (e spera) che chiusasi una porta… si spalanchi un portone: con Roberto Mancini la frattura è insanabile tanto che mercoledì sera il centravanti non si è neppure presentato alla cena a cui ha partecipato praticamente tutta la squadra. L’argentino, nei giorni scorsi, ha lanciato pure segnali al Milan: questa soluzione però non vuole essere lontanamente presa in considerazione dall’Inter visto che i nerazzurri non hanno alcuna intenzione di rinforzare una diretta concorrente per l’ultimo posto libero in zona Champions. Diverso il discorso per quanto riguarda la Juventus che, al momento, vola per obiettivi più alti. L’interessato anche ieri ad Appiano si è limitato a corricchiare, lavorando a parte. Anche se il provvedimento non è stato mai ufficializzato, Osvaldo è di fatto fuori rosa e lo sarà almeno finché non troverà squadra. Avesse voluto accontentarsi, il buon Daniel sarebbe già stato presentato altrove: l’Inter, nell’ordine, ha detto sì al Torino (la prima società a farsi sotto), al Cagliari, al Parma e al Genoa, ma l’interessato ha fatto regolarmente muro confidando che, negli ultimi giorni, possano farsi avanti le big. Prendere Osvaldo avrebbe costi irrisori per il valore del giocatore (1 milione di stipendio) e per il suo rendimento (7 gol in 19 gare) almeno finché non si è spezzato il feeling con Mancini nella notte dei lunghi coltelli all’Olimpico chiusa con insulti al tecnico, alla squadra e, naturalmente, a Icardi “reo” di non avergli passato un pallone in zona gol. Il Southampton ha incaricato l’Inter di risolvere la questione: pende sempre il riscatto a 7 milioni per cui il club di Palazzo Saras si era accordato quest’estate con gli inglesi, ma l’argomento verrà risolto in un secondo tempo con il club che si prenderà in carico Osvaldo. (tuttosport)

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy