Mazzarri: “Due gol presi per nostre ingenuità”

Mazzarri: “Due gol presi per nostre ingenuità”

TORINO – Queste le parole al termine della gara di Walter Mazzarri ai microfoni di Sky Sport: “Mi dispiace per come abbiamo preso il secondo e terzo gol: dà fastidio, sull’1-0 eravamo in partita e non avevamo concesso molto. Sapevo che il loro pressing feroce sarebbe calato nella ripresa, mi…

TORINO – Queste le parole al termine della gara di Walter Mazzarri ai microfoni di Sky Sport:  “Mi dispiace per come abbiamo preso il secondo e terzo gol: dà fastidio, sull’1-0 eravamo in partita e non avevamo concesso molto. Sapevo che il loro pressing feroce sarebbe calato nella ripresa, mi dà fastidio che abbiamo preso il secondo gol in modo lezioso, si è vista la loro ferocia. Se fossimo rimasti in partita, magari avremmo potuto anche recuperare. Bisognerà avere la stessa ferocia loro: quando il gioco si fa duro… Dobbiamo stare attenti ai particolari: oggi abbiamo avuto delle occasioni, un possesso-palla quasi pari al loro. Dobbiamo continuare a lavorare e imparare tante cose, ma sono fiducioso perché l’atteggiamento è quello giusto. Dispiace perché non arrivano i risultati”.

“Mi sono seduto un attimo per parlare con Frustalupi per studiare un po’ di cose. Questo è un anno di crescita, ci mancavano giocatori importanti. Abbiamo bisogno di una vittoria per sbloccarci. E’ chiaro che se si perdono i duelli viene fuori lo spessore in certi casi diverso di chi vince gli Scudetti. Le partite si devono valutare anche in base alle forze in campo. Nei due gol noi ci siamo fatti spostare, loro ci hanno messo il corpo. Poi abbiamo creato due palle-gol clamorose, con un possesso-palla equilibrato… Pensavo che Kovacic fosse stato messo nella condizione ideale perché doveva uscire su Pirlo o abbassarsi, doveva essere l’uomo in più. Tutte le altre erano contrapposizioni nette, tatticamente non ci volevano scienziati per capire questa cosa. Se tutti e tre i difensori sono al top possono fare bene: Ranocchia l’ultima l’ha giocata con la Lazio, Rolando è la vera scoperta, sta giocando sempre bene, Campagnaro è un giocatore importante, Jesus sta crescendo, è giovane, ma può diventare uno dei più forti difensori d’Europa. Bisogna affrontare un processo di crescita, siamo un cantiere aperto. Non c’erano Cambiasso, Hernanes, Guarin, io devo considerare tante cose. Pirlo troppo libero? Dopo che è entrato Botta non mi sembra. Su Pirlo c’era Kovacic, ma quando lui usciva poi c’era un uomo in meno a centrocampo”.

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy