L’editoriale – Il martello è tornato

L’editoriale – Il martello è tornato

di FRANCESCO REPICE Quagliarella e Vucinic, perchè no. Infondo martedì sera ad Istanbul la Juve si gioca la partita della vita. Infondo Tevez e LLorente hanno tirato la carretta per tanti, forse troppi minuti. Infondo l’ex attaccante del Napoli ed il montenegrino sarebbero titolari ovunque. Infondo se non si fa…

di FRANCESCO REPICE

Quagliarella e Vucinic, perchè no. Infondo martedì sera ad Istanbul la Juve si gioca la partita della vita. Infondo Tevez e LLorente hanno tirato la carretta per tanti, forse troppi minuti. Infondo l’ex attaccante del Napoli ed il montenegrino sarebbero titolari ovunque. Infondo se non si fa turn over in queste occasioni allora quando?
Eppure Antonio Conte avverte il pericolo del match del Dall’Ara e forse, non a caso, ha ripreso a mostrare il ghigno del cattivo approfittando di un argomento che col campo ha poco a che fare. Sulla multa inflitta alla Juventus per il comportamento dei bambini in curva l’allenatore dei bianconeri è tornato a parlare di “accanimento”. Come ai tempi della squalifica, quando ringhiava contro tutto e contro tutti. E non è un caso se, analizzando il fenomeno Pogba, Conte spieghi:” a Manchester la prima squadra la vedeva col binocolo, qui è cresciuto in maniera imponente ed entusiasmante. Merito mio e della società”. Un modo, forse, per far sapere al giocatore che nemmeno lui può permettesi voli pindarici. “Il mio obiettivo è vincere il pallone d’oro” ha detto il francese appena incoronato golden boy d’Europa.

Troppo in là con pensieri per un allenatore che continua a tenere i suoi tifosi col fiato sospeso. Perchè in società si sta disperatamente tentando di trattenere proprio Pogba; perchè lo scoglio Vidal è stato brillantemente superato; perchè invece del rinnovo di Conte ancora non c’è traccia. “Non è il momento- dice lui- a Bologna ci aspetta una partita dura e tosta anche se l’assenza di Pirlo non mi spaventa: ho 5 centrocampisti da potre far giocare in quel ruolo”. Si, dopo un paio di settimane di “tregua”, il “martello” è tornato. Segno che il momento è cruciale per l’annata bianconera che Conte vuole firmare con l’ennesimo record.

juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy