LE VOCI – Vidal a Gazzetta Tv: “”La Juve è come il mio cavallo: il top. E può vincere subito la Champions”

LE VOCI – Vidal a Gazzetta Tv: “”La Juve è come il mio cavallo: il top. E può vincere subito la Champions”

(GAZZETTA.IT) L’infanzia povera e il sogno Champions. Il Real, la Juve e il Rodelindo Roman. Il matrimonio extralusso. Viene fuori a 360° Arturo Vidal da “Condò Confidential”, programma di GazzettaTv. Ecco gli stralci più significativi della sua intervista. FUORI CAMPO — “La vita è dura ma aiuta anche sul campo…

(GAZZETTA.IT) L’infanzia povera e il sogno Champions. Il Real, la Juve e il Rodelindo Roman. Il matrimonio extralusso. Viene fuori a 360° Arturo Vidal da “Condò Confidential”, programma di GazzettaTv. Ecco gli stralci più significativi della sua intervista.

FUORI CAMPO — “La vita è dura ma aiuta anche sul campo a giocare meglio. I momenti più difficili sono stati i primi, quando non avevamo il riscaldamento in casa e non avevamo il necessario per mangiare. Quando io avevo 13 anni eravamo sulle spalle di mia madre che gestiva quattro bambini senza un marito. Ogni suo giorno di lavoro significava cibo per noi. Senza lavoro non si mangiava. Il calcio è stato il modo per uscire dalla fame. Il mio matrimonio? C’erano tante persone, è stato un momento molto importante. C’era anche il presidente del Cile, si tratta di una donna che ama davvero il calcio”.

 

I MIGLIORI — “Quello che Conte pensa di me (lo ha chiamato “Guerriero”, n.d.r.), è basato sul fatto che do tutto. In futuro voglio essere ricordato per quello che ho vinto e per essere stato un guerriero in campo. Credo che il nostro sia il centrocampo più forte del mondo: sono tanti anni che giochiamo insieme e c’è una grande connessione fra noi. Quando siamo insieme possiamo confrontarci con chiunque. Abbiamo qualità, quantità e gioventù”.

LE SQUADRE — “La mia squadra del cuore è il Rodelindo Roman, dove ho iniziato e dove vorrei chiudere la carriera. Il campo era pieno di pietre ed è stato un luogo dove noi ragazzini abbiamo iniziato ad affinare la nostra tecnica, proprio per evitare le pietre. Ci gioco ancora con i miei amici quando torno a Santiago del Cile. Il Real Madrid è la squadra che mi è piaciuto di più affrontare. Il loro è un calcio vero, con i migliori giocatori al mondo. Ma non è imbattibile, nessuno lo è”.

OBIETTIVI
— “La Juve è una squadra fortissima che ha dimostrato sul campo di essere la migliore. Abbiamo fatto la storia, ma possiamo fare ancora di più. Sarebbe bello arrivare alla Coppa America con la Champions. Darebbe grande fiducia. E poi punto a vincere anche la Coppa America: sarebbe una vittoria storica anche perché giochiamo in casa. Pensavamo di arrivare in fondo anche al Mondiale, poi quella palla all’ultimo minuto col Brasile non è entrata”.

CAVALLI
— “I cavalli sono l’altra mia grande passione. Ho anche lavorato con i cavalli, poi però ho scelto il calcio. Oggi il mio miglior cavallo è il top del Cile e di tutto il Sudamerica. L’esultanza con le mani alle orecchie è invece dedicare ad un mio amico fantino morto dopo una caduta. Si chiamava Nicolas Inda”. 

CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO 

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy