LE VOCI – Spalletti: “Come fanno alla Juve ad essere assatanati?”

LE VOCI – Spalletti: “Come fanno alla Juve ad essere assatanati?”

Il tecnico dello Zenit Luciano Spalletti ha parlato alla Gazzetta dello Sport parlando anche della Juventus: «Ho visto in televisione Juve-Lazio e mi sono detto: “Ma come fanno a essere sempre così assatanati?”. Conte ha due grandi qualità: è un maestro di calcio ed è bravissimo a obbligare i suoi…

Il tecnico dello Zenit Luciano Spalletti ha parlato alla Gazzetta dello Sport parlando anche della Juventus: «Ho visto in televisione Juve-Lazio e mi sono detto: “Ma come fanno a essere sempre così assatanati?”. Conte ha due grandi qualità: è un maestro di calcio ed è bravissimo a obbligare i suoi dirigenti a spendere tanti soldi nella campagna acquisti. La Champions proveranno a vincerla. Tevez è un campione da Coppa: è cresciuto per strada dove si vive per un dribbling, per un gol. E’ il cattivo con tanta classe: serve per andare avanti in Champions. Pogba può essere l’uomo nuovo che alza il valore complessivo della squadra».

Sul Milan: «Se penso allo scudetto sono convinto che ci sia soltanto una rivale vera della Juventus, mi riferisco al Milan. Il Milan è il Milan. Un anno fa tutti dicevano che i rossoneri “giocavano da paura”. Una critica severa. Ma quel Milan “da paura” è arrivato terzo. Ed è andato in Champions. Ora può solo crescere. Quale squadra ha tanti giovani così bravi? De Sciglio è uno dei potenziali fenomeni del calcio mondiale, El Shaarawy merita fiducia e Balotelli deve, dico deve, compiere l’ultimo salto di qualità. A volte si fa ancora tradire dall’esuberanza del ragazzo e perde il filo logico della partita. Ma quando ha la testa giusta sposta gli equilibri. Super Mario può far vincere il mondiale all’Italia. A proposito di talenti, ci sono anche Poli e Niang. Vi bastano? Il Milan ha margini di crescita inimmaginabili. Può alzare l’asticella in zona Juve. Il vero problema del Milan può essere la serenità di Allegri. Non ho capito quella frase “quasi quasi torno a pescare a Livorno” dopo le critiche per l’inizio di campionato. Deve restare tranquillo».

Sulle altre:  «Napoli e Fiorentina possono essere le mine vaganti del torneo. Benitez ha l’equilibrio giusto per una piazza così bollente. Mi ricorda Bianchi che, non a caso, ha vinto lo scudetto con il Napoli. Poi, mi aspetto l’ultimo salto di qualità da Hamsik. Comunque il vero fuoriclasse partenopeo non è in campo. Mi riferisco a De Laurentiis.Non sono tanti i presidenti che tolgono problemi agli allenatori. De Laurentiis è uno di questi. I Della Valle sono tornati in prima fila. E questa è un’arma preziosa. Come il bel calcio che insegna Montella e la coppia gol RossiGomez. Non vedo di meglio in circolazione, ma lo scudetto è tanta roba. Mazzarri è un mago. Però l’Inter sta vivendo il passaggio societario. Ci vuole un po’ di tempo per trovare equilibrio. I nerazzurri sono partiti bene. Hanno la difesa più forte del campionato. Garcia è uno che si sa muovere. Però la Roma dipende da Totti, da che taglio vuole dare Francesco alla sua stagione. La qualità del capitano giallorosso non si discute, ma riuscirà a mantenere la leadership durante tutto un campionato? La Roma è di Totti, nel bene e nel male».

(fonte tuttojuve.com)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy