LE VOCI – Sacchi: “Juventus, ripeti Dortmund e puoi farcela”

LE VOCI – Sacchi: “Juventus, ripeti Dortmund e puoi farcela”

ROMA – “La Juve in Champions? Può farcela”. Ai microfoni di Radio Onda Libera Arrigo Sacchi, nella trasmissione “Pezzi da 90” ha commentato la situazione del campionato italiano, con un occhio particolare all’impegno internazione dei bianconeri.”I bianconeri possono farcela. Se ripetono Dortmund possono arrivare sino in fondo. Le squadre italiane…

ROMA “La Juve in Champions? Può farcela”. Ai microfoni di Radio Onda Libera Arrigo Sacchi, nella trasmissione “Pezzi da 90” ha commentato la situazione del campionato italiano, con un occhio particolare all’impegno internazione dei bianconeri.“I bianconeri possono farcela. Se ripetono Dortmund possono arrivare sino in fondo. Le squadre italiane hanno quasi sempre giocato all’estero come giocano in Italia. Ma in Italia si vince con le individualità e la difesa, mentre per vincere in Europa servono il collettivo e la mentalità offensiva. Se la Juve farà questo metterà in difficoltà tutti, perché come organizzazione di gioco le squadre italiane in generale sono più brave di quelle straniere”.Tra i temi toccati, il sorpasso tra le capitoline: “La Lazio è la grande sorpresa del campionato e non da ora. Se Lotito parlasse meno sarebbe perfetto. Il presidente e Tare hanno fatto in questi anni dei capolavori spendendo poco per ottenere grandi risultati. Adesso sono anche cresciuti nel gioco, bisogna fare i complimenti. La squadra gioca e cresce partita dopo partita. Pratica un calcio generoso, da protagonisti e con coraggio”. Focus anche sulla Juve:

 

LE ALTRE Non poteva mancare un accenno al “suo” Milan, per Sacchi: “Il Milan ha dei grandi dirigenti. Servono persone affidabili e giocatori che diano sempre tutto. Berlusconi è stato per il calcio italiano come una valanga che è caduta in un piccolo stagno: lui ha cambiato le cose e risvegliato un mondo stantio. Solo un uomo avanti 20 anni poteva scegliere un signor nessuno come me. Il Milan è copiato più all’estero che in Italia, me lo fece notare Costacurta in una partita in Danimarca”. Spazio finale dedicato ad altri temi: “L’occhio di falco? E’ inutile finché non saremo più corretti e leali. Il mio libro ‘Calcio totale’ sta andando benissimo nelle vendite, mi fa piacere: è il sogno di un ragazzino che ha coltivato una passione senza mai farsi prendere dalla bramosia del successo e dei soldi”. (tuttosport)

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy