LE VOCI – Moggi racconta un clamoroso retroscena: “Del Piero? Nel 1994…”

LE VOCI – Moggi racconta un clamoroso retroscena: “Del Piero? Nel 1994…”

TORINO – Clamoroso retroscena raccontato su Alex Del Piero (goal.com) – Luciano Moggi a tutto campo. Come accade più o meno sempre, quando l’ex direttore generale dellaJuventus ha spazio e modo per raccontare la propria versione dei fatti su Calciopoli, lo scandalo che ormai 9 anni fa ha scosso le…

TORINO – Clamoroso retroscena raccontato su Alex Del Piero (goal.com) – Luciano Moggi a tutto campo. Come accade più o meno sempre, quando l’ex direttore generale dellaJuventus ha spazio e modo per raccontare la propria versione dei fatti su Calciopoli, lo scandalo che ormai 9 anni fa ha scosso le fondamenta del calcio italiano. “La mia unica colpa è stata quella di aver costruito una formazione imbattibile. Vincevamo sempre e per questo eravamo antipatici” le sue parole a ‘Uno Mattina Estate’. E sulla prescrizione della condanna di secondo grado: “Evidentemente in 10 anni hanno avuto il tempo di capire come sono andate le cose“. 

 

Una stoccata all’Inter, come prevedibile: “In quegli anni non ha vinto soltanto la Juventus: il campionato lo hanno vinto anche il Milan, la Roma e la Lazio. Mentre i nerazzurri, l’unica società a lamentarsi, non vincevano nulla. Che cupola c’era a governare il calcio italiano?”. Ma si parla anche di calcio giocato. E c’è spazio per un retroscena su un affare di mercato che, se concretizzato, avrebbe cambiato la storia recente della Juventus: il trasferimento, ormai fatto, diAlessandro Del Piero al Parma nell’estate del 1994. “Quando sono arrivato alla Juventus, Alex era già stato praticamente ceduto. Sono dovuto andare fino a New York per annullare tutto e riportarlo da noi” rivela Moggi. Una situazione che ricorda il quasi trasferimento di Totti alla Sampdoria. Con lo stesso finale: il nulla di fatto e la costruzione di due bandiere.

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy