LE VOCI – Gomez: “Juventus migliore squadra d’Italia, sarà una sfida difficile”

LE VOCI – Gomez: “Juventus migliore squadra d’Italia, sarà una sfida difficile”

Il panzer viola Mario Gomez torna a parlare. E lo fa a poche ore dal fischio d’inizio di una delle gare più importanti della stagione per la Fiorentina. A seguire vi proponiamo le parole del numero 33 gigliato ai microfoni di Sport1: Gomez, dopo un momento difficile è tornato al…

Il panzer viola Mario Gomez torna a parlare. E lo fa a poche ore dal fischio d’inizio di una delle gare più importanti della stagione per la Fiorentina. A seguire vi proponiamo le parole del numero 33 gigliato ai microfoni di Sport1
Gomez, dopo un momento difficile è tornato al gol. Quali fattori hanno giocato nel recupero? “Principalmente l’allenamento. E’ molto importante mantenere un certo ritmo, soprattutto per i tipi di giocatori come me. Ho sempre lavorato duro con me stesso, ma sapevo che alla fine era solo una questione di tempo”.

 

I tifosi della Fiorentina sono i più appassionati che hai avuto finora?

“Non voglio metterli a confronto con quelli del Bayern e dello Stoccarda. Ma quello che posso dire per certo è che i nostri tifosi sono assolutamente fantastici”.

 

Si gioca il Martedì (oggi per chi legge) contro la Juventus Come vede le opportunità di passaggio dopo il 2-1 dell’andata a Torino?
“Le possibilità sono ancora 50-50, anche se abbiamo vinto la prima tappa. La Juve rimane la migliore squadra d’Italia. Per noi, naturalmente, sarà una sfida difficile”.

 

La città e i tifosi tutti aspettano un titolo, come la vittoria della Coppa Italia. Cosa manca ancora per l’ultimo passo?
“Due vittorie (ride, ndr)”.

 

La Fiorentina è in gara anche in Europa League. Si fanno sentire 3 competizioni?
“No, mentalmente forse. Ma non tanto fisicamente. Abbiamo una grande squadra, che è molto equilibrata e l’allenatore dà la possibilità di ruotare molto”.

 

Impossibile lasciare Firenze in estate. Potrebbe davvero immaginare di rimanere più a lungo in Toscana e terminare la propria carriera alla Fiorentina?
“Parlarne ora non ha senso, il calcio si vive quotidianamente. A Firenze sto sicuramente molto bene”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy