LE VOCI – Di Carlo: “L’Inter è una squadra fisica. La Juve può spuntarla con il ritmo”

LE VOCI – Di Carlo: “L’Inter è una squadra fisica. La Juve può spuntarla con il ritmo”

LE VOCI – Di Carlo: “L’Inter è una squadra fisica. La Juve può spuntarla con il ritmo”

Di Carlo

TORINO – Domenico Di Carlo, ex allenatore di Serie A in questo momento svincolato, ha risposto alle domande dei microfoni di Calciomercato.com. Ecco le parole di Domenico Di Carlo: “Tra un mese vedremo tutto con occhi diversi, sono certo che le grandi torneranno a ruggire nonostante alcune difficoltà. Penso che Juventus e Milan siano destinate a scalare posizioni e presto raggiungeranno Fiorentina, Roma, Napoli e Inter. Ci sarà sicuramente un assestamento in vetta alla classifica ma penso che rispetto agli ultimi anni assister meno ad un torneo equilibrato fino alla fine. Sul piano del gioco, devo fare un plauso a Sousa, mi sta davvero stupendo, è un tecnico molto duttile. Un discorso simile può essere fatto per Sarri che ha svoltato col passaggio al 4-3-3: adesso la squadra è corta e veloce. Molto bene anche il Sassuolo, così come il Chievo e il Torino che esprimono  idee di calcio differenti ma assolutamente interessanti. Le componenti sono tante. Sarri ha capito in tempo che col vecchio schieramento non poteva andare avanti e ha inserito gli uomini giusti nelle posizioni a loro più congeniali. La squadra ha trovato equilibrio e la posizione di Jorginho davanti alla difesa si sta rivelando fondamentale nell’organizzazione delle due fasi. Era necessario sfruttare al meglio le caratteristiche dei calciatori presenti in rosa. Sono convinto che il Napoli sia destinato a crescere ancora tanto. Deve trovare continuità e in questo senso il lavoro giornaliero di Sarri potrebbe rivelarsi molto prezioso. La squadra sta bene in campo, è molto organizzata ed è soprattutto la difesa a beneficiarne. Se si vince senza subire gol, l’autostima cresce. Nel 4-3-3 ha trovato la sua dimensione ideale, da trequartista non mi convinceva affatto. Dà il meglio di sé quando parte largo per poi accentrarsi, talvolta diventa imprendibile. E’ un calciatore di grandissimo livello e penso che oramai sia vicinissimo alla definitiva maturazione. Sarri lo ha messo nelle condizioni ideali e lui sta rispondendo alla grande. La Juve è in crescita, non ci sono dubbi. L’Inter è una squadra fisica, concreta ma ha ancora qualche difficoltà a livello organizzativo. Se la Juve la mette sul ritmo e sull’aggressività può anche spuntarla”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy