LE VOCI – Conte: ‘ Tifosi gridate che siamo tornati’

LE VOCI – Conte: ‘ Tifosi gridate che siamo tornati’

TORINO – Arriva anche Conte a commentare la festa scudetto ai microfoni di Mediaset Premium. Ecco quanto evidenziato da Juvenews.eu “Si si, per Elisabetta e Vittoria è il numero due per la mia famglia è il numero sette. Gli scudetti da allenatore hanno un sapore molto bello, è una gioia…

di redazionejuvenews

TORINO – Arriva anche Conte a commentare la festa scudetto ai microfoni di Mediaset Premium. Ecco quanto evidenziato da Juvenews.eu

Si si, per Elisabetta e Vittoria è il numero due per la mia famglia è il numero sette. Gli scudetti da allenatore hanno un sapore molto bello, è una gioia che senti molto tua. E’ un’ idea e un organizzazione, una società che mi ha dato fiducia e mi ha supportato in tutto e per tutto. Ho trovato i giocatori che sono i veri artefici, il direttore Marotta mi ha supportato in questi mesi. Poi non smetterò mai di ringraziare i tifosi che sono sempre presenti e orgogliosi di essere juventini e gridare al mondo che siamo tornati. C’è sempre la voglia da parte mia di lavorare tanto e duramente. E dare tanto del mio tempo di giocare e partecipare per vincere. A volte si riesce e altre volte no. L’ obiettivo è sempre quello di lavorare per vincere e non avere rimpianti. Io mi sto godendo la vittoria da allenatore della Juventus e dei tifosi,
abbiamo vissuto un anno molto intenso e importante. E’ il terzo anno che non mi fermo e vacanze ne ho fatte poche. Adesso c’è da giocare un’ altra partita. C’è un rapporto ottimo, con la società Andrea, il direttore Marotta, c’è grande consapevolezza e stima reciproca. Ti dico che ho visto troppa enfasi, da parte un pò di tutti. Si è distrutto il calcio spagnolo dando enfasi a quello tedesco. Come se ci fosse un cambio epocale, visto l’ uscita di Barca e Ral per mano di due tedesche. In Germania il Bayern Monaco è davanti a tutte quante, dietro di lei c’è il Borussia Dortmund, che se, al novantunesimo fa un gol, sarebbe uscita. Bisgona capire che c’è una strada da percorrere, ma il Borussia è distante dal Bayern Monaco. Penso che il nsotro primo anno in Champions tra le prime otto,abbiamo beccato il Bayern la squadra più forte. Ora dobbiam ocapire cosa dobbiamo fare per ritornare protagonisti. si cresce anche non vincendo.Quello che interessa e molto importante, dopo due campionati vinti da protagonisti. La motivazione e la ferocia agonistica e la voglia di vincere non dobbiamo mai perderli. E’ la cosa più importante al di sopra del mercato, Domenica finisce il caapioanto, da lunedì penseremo al prossimo anno. Il terzo anno potrebbe subentrare un pò di pancia piena dopo due successi conescutivi. L’ importante è non perdere la fame, riguardo alla società all’ allenatore, all’ ambiente. Adesso bisogna fare analisi profonde su i giocatori chi ha fame, chi ha voglia di migliorarsi in Champions e vincere il terzo scudetto. Per me è importante sapere questo, l’ ambiente non deve sentirsi sazio. Se non lavoriamo tanto, rischiamo.”

Juvenews.eu

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy