Le voci, Carlo Tarallo (Dagospia): “Ecco quello che so sulla cessione di Higuain”

Le voci, Carlo Tarallo (Dagospia): “Ecco quello che so sulla cessione di Higuain”

Le parole del giornalista sulla questione Higuain

TORINO – Carlo Tarallo, collega di Dagospia, ha parlato ai microfoni di Areanapoli.it. Ecco le sue dichiarazioni: “Ho letto ricostruzioni fantasiose relative alla scioglimento della Curva A. C’è un comunicato, ed io mi fermo a quello che c’è scritto. Una battuta per spiegare il concetto: da partito unico si è tornati alla coalizione, in cui c’è compattezza ma ogni gruppo conserva la sua identità e fa le proprie scelte”.

 Argomento striscioni: il malcontento è evidente, ma anche qui quante congetture senza senso… tante letture come se non fosse evidente che lo striscione dal tono deciso fa parte della tradizione degli ultras di tutto il mondo. Sono anni che appaiono striscioni che contestano il presidente, che c’entrano le dinamiche interne a una tifoseria? La verità è che la ferita-Higuain, tra l’altro inattesa, è stata lacerante. Abbiamo visto scrittori, intellettuali, abbandonarsi ai peggiori insulti senza che nessuno dicesse nulla. Bene: la verità è che la cessione di Higuain alla Juventus è stata per metà voluta da lui e per metà dal presidente. In tanti anzi hanno detto: che affare ha fatto il Napoli, ora sul mercato sarà fortissimo. Se non arriva il degno sostituto di Higuain, è chiaro che il presidente verrà criticato come è accaduto per Higuain.

 Per quanto concerne il mercato, precisando che io non voglio dare notizie, non ho la presunzione di dare certezze e parlo solo per un sentito dire, dico che mi è arrivata una soffiata dall’Inghilterra dove alcuni amici mi hanno parlato di una possibilità ancora viva di portare Balotelli a Napoli come terza forza d’attacco dietro Milik e alle spalle del calciatore che arriverà.

De Laurentiis ha deluso fino ad ora perché con i 94 milioni incassati grazie alla cessione di Higuain avrebbe dovuto già provvedere alla sostituzione adeguata invece di rincorrere la gonna dell’agente con il vento in poppa Wanda Nara. 

Retroscena Milik, da uno spiffero è venuto fuori che per un pelo non lo hanno lasciato nell’albergo di Dimaro e poi, grazie ad una conta come si fa nelle scuole elementari in gita, lo si è andato a riprendere. Battute o fatti veri e possibili a parte, è evidente che al club manchi un po’ di organizzazione ed un organigramma più completo.

Cavani? Ho letto addirittura una intervista all’ “entourage”, lunga e tutta virgolettata. Mi chiedevo chi fosse questo signor Entourage, ma battute a parte è il segno di quanto ormai la differenza tra una notizia, una quasi-notizia e la fantasia più sfrenata sia stato abbondantemente superato in questo calciomercato da incubo per il Napoli e i suoi tifosi. Se Tornasse? Nessun problema: i gol li farebbe“. Intanto il mercato entra nel vivo >>> CONTINUA A LEGGERE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy