La serie A ha deciso: “occhio di falco” in finale di Coppa Italia

La serie A ha deciso: “occhio di falco” in finale di Coppa Italia

Per evitare casi di gol fantasma la Lega Serie A ha deciso di adottare il cosiddetto ‘occhio di falco’, che debutterà nella finale di coppa Italia fra Juventus e Lazio. La decisione è stata ufficializzata dal presidente della Lega Serie A Maurizio Beretta. «Confermiamo che l’occhio di falco sarà operativo…

Per evitare casi di gol fantasma la Lega Serie A ha deciso di adottare il cosiddetto ‘occhio di falco’, che debutterà nella finale di coppa Italia fra Juventus e Lazio. La decisione è stata ufficializzata dal presidente della Lega Serie A Maurizio Beretta. «Confermiamo che l’occhio di falco sarà operativo dalla finale di coppa Italia di quest’anno», ha spiegato Beretta, ribadendo che la sfida fra Juventus e Lazio in programma il 7 giugno sarà anticipata al 20 maggio nel caso in cui i bianconeri raggiungessero la finale di Champions League. «Nell’ultima assemblea c’è stata una scrematura e l’analisi delle offerte, e oggi abbiamo deciso di finalizzare l’accordo con la società Hawk Eye, che sarà formalizzato nei prossimi giorni – – ha aggiunto il presidente della Lega Serie A -. L’occhio di falco è la stessa tecnologia già utilizzata dalla Premier, che dal prossimo anno sarà adottata dalla Bundesliga. Prevede il posizionamento di una serie di telecamere per indagare la linea di porta». L’assemblea della Lega Serie A ha assegnato i diritti televisivi di coppa Italia e Supercoppa italiana del triennio 2015/2018 alla Rai per circa 66 milioni di euro al termine della trattativa privata. Un altro milione di euro sarà incassato dai diritti radiofonici, venduti sempre alla Rai, e per il pacchetto internet e mobile acquistato da Telecom. La cifra complessiva inferiore agli 84 milioni di euro richiesti nel bando iniziale, ma superiore ai 60 milioni di euro incassati dalla Lega Serie A nell’ultimo triennio.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy