La Juve prova a blindare Conte

La Juve prova a blindare Conte

TORINO – La Juve prova a convincere Antonio Conte con un contratto alla Ferguson per arrivare in tempi brevi al rinnnovo dell’accordo in scadenza tra un anno e mezzo, nel 2015. Un contratto alla Ferguson che ha guidato il Manchester United per 27 anni, vuol dire un prolungamento piuttosto consistente,…

TORINO – La Juve prova a convincere Antonio Conte con un contratto alla Ferguson per arrivare in tempi brevi al rinnnovo dell’accordo in scadenza tra un anno e mezzo, nel 2015. Un contratto alla Ferguson che ha guidato il Manchester United per 27 anni, vuol dire un prolungamento piuttosto consistente, tra i 3 e 5 anni – mediamente in italia gli allenatori si accordano per un biennale – e poteri molto più allargati sul mercato e sul progetto finale.

Insomma, per conte c’è sul tavolo questa lusinga da allenatore-manager per cominciare a legarsi a vita alla Juventus. Una scelta, questa, anche per compensare il fatto che a livello economico non c’è la forza per offrire a Conte un ingaggio in linea con i top allenatori europei, per capirci, alla Mourinho o alla Ancelotti, ma comunque c’è la volontà di ritoccare gli attuali 3 milioni di euro a stagione che il tecnico aveva concordato alla fine della stagione scorsa, pur senza prolungare il contratto.

Per natura e per equilibri dentro alla Juve, Conte è piuttosto irrequieto e il club bianconero ha capito che soltanto una super proposta, alla Ferguson appunto, potrebbe convincere il tecnico al rinnovo in tempi brevi per evitare sorprese. Non è un mistero che Conte sia stimolato da possibili, ma al momento non tangibili, proposte da un top club europeo. Per esempio, nel suo mirino c’è stato e c’è ancora l’Arsenal di Wenger che non ha ancora rinnovato il contratto.

Una Juve che cerca quindi di non sbagliare i tempi su Conte e che nel contempo si tutela tenendo monitorato il futuro di Prandelli.

(fonte sportmediaset.mediaset.it)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy