La Juve monitora i giovani

La Juve monitora i giovani

La meglio gioventù del calcio italiano s’è ritrovata nello stage convocato a Coverciano da Prandelli. Una trentina di calciatori, tutti pronti a ritagliarsi un posto in A e molti di essi già finiti sul taccuino degli operatori di calciomercato. Perché è questo il periodo in cui si tessono trame, s’approntano…

La meglio gioventù del calcio italiano s’è ritrovata nello stage convocato a Coverciano da Prandelli. Una trentina di calciatori, tutti pronti a ritagliarsi un posto in A e molti di essi già finiti sul taccuino degli operatori di calciomercato. Perché è questo il periodo in cui si tessono trame, s’approntano strategie, si sonda il terreno e – considerata la morigeratezza imposta dall’Uefa e dalla ridotta capacità economica dei club – il ‘made in Italy’ riprende quota. Dai portieri agli attaccanti, la lista è lunga.

Portieri. Due sono i nomi caldi: il primo è una ‘vecchia conoscenza’, si tratta di Mattia Perin (classe 92) del Genoa sul quale il Milan ha messo gli occhi da tempo. A contendere il ruolo di nuovo Buffon adesso c’è Simone Scuffet dell’Udinese che, a 17 anni, s’è mostrato bravo abbastanza da reggere alla pressione del debutto anche in campionato molto difficile come quello di A. Il numero uno dei friulani piace molto alla Roma che, complice l’età di De Sanctis, pensa già al futuro. Valore di mercato? Una decina di milioni perché Pozzo è abituato a far pagare cari i pupilli svezzati nella ‘cantera’ bianconera.

Difensori. Darmian del Torino (classe 1989) e Romagnoli della Roma i giovani che si sono messi in buona evidenza. Il primo è stato lanciato da Ventura ed ha già accumulato un po’ d’esperienza in A. Abbastanza (ha 25 anni) da renderlo maturo anche per il grande salto: è un esterno destro, piace al Napoli (alla ricerca di un’alternativa a Maggio). Appena maggiorenne (classe 1995) è Romagnoli, di cui difficilmente i giallorossi si priveranno. Infine c’è Murru, talento 20enne del Cagliari.

Centrocampisti. Jack Bonaventura e Baselli dell’Atalanta sono i nomi che vanno per la maggiore. Juventus e Fiorentina le squadre che più hanno mostrato interesse per i pupilli bergamaschi alla Fiorentina, ma sull’Under 21 Baselli c’è la Juve. Il dg Marino prima di uno degli ultimi consigli di Lega ha ammesso: “Ci sono molte squadre che seguono Bonaventura, ma il presidente Percassi mi ha detto che era possibile mantenere tutti i giocatori in questa sessione di mercato e l’abbiamo fatto”. Baselli è seguito dalle big? “Lo sta seguendo la Juventus”.

Attaccanti. Il più ambito è Gabbiadini, che ha molti estimatori sia in Italia sia all’estero. Gioca nella Sampdoria (8 gol in A finora) ma la Juventus detiene la metà del cartellino e, complice gli addii di Quagliarella e Vunicic, è pronta ad accogliere in seno alla rosa un giovane di belle speranze che ha attirato le attenzioni di Conte. Non solo, perché nell’ultima sfida di campionato a Marassi c’era anche Roberto Mancini: l’ex doriano, ora alla guida del Galatasaray, avrebbe voluto Gabbiadini già a gennaio ed è possibile che chiederà al club turco di lanciare l’assalto definitivo a fine stagione.

fonte: tuttomercatoweb

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy