La coruna: “Vogliamo le scuse di Pirlo”

La coruna: “Vogliamo le scuse di Pirlo”

Come riportato dalla “OpinionACoruna”, i giocatori del Deportivo autori della storica rimonta del 2007 contro il Milan non ci stanno e attaccano Pirlo che nel suo libro ha parlato di una squadra che correva in maniera sorprendente a mille all’ora. Javier Irureta, allora allenatore del Depor ricorda che la dinamica…

Come riportato dalla “OpinionACoruna”, i giocatori del Deportivo autori della storica rimonta del 2007 contro il Milan non ci stanno e attaccano Pirlo che nel suo libro ha parlato di una squadra che correva in maniera sorprendente a mille all’ora. Javier Irureta, allora allenatore del Depor ricorda che la dinamica dei gol nulla ha anche fare con la velocità. “Trovo deplorevole quanto detto“, risponde Fran, non si capisce come ” un giocatore della qualità e del livello di Pirlo possa fare simili dichiarazioni”. Così anche Donato : “Non ho niente da rispondere non ho intenzione di entrare nel merito di queste sciocchezze. Il Depor ha vinto e non devo convincere nessuno di nulla … “

 

 

 

Per Fran i sospetti derivano dalla frustrazione: “Può essere semplicemente arrabbiato perché non sono stato in grado di gestire il risultato”. Molina, rivendica l’impresa come ottenuta sul campo e dice: “Non ha senso fare questa dichiarazione dieci anni dopo”.
Victor Sanchez chiede le scuse di Pirlo al club, ai giocatori e ai suoi tifosi e consiglia di rivedersi la partita mentre Pandiani a mezzo Twitter dice: “Pirlo ha sbagliato perché il Deportivo era il migliore a quei tempi “; d‘accordo Irureta: “Fu decisivo lo slancio del pubblico“.

Anche il medico César Cobián dice che queste voci sono: “stupide ed è lo stesso Pirlo a dire di non aver nessuna prova in merito”.

Donato risponde così: “È stata una sconfitta inattesa per loro, sono le storie di calcio”. Il pensiero comune è che a Milano quella sconfitta non è mai stata digerita.

Tuttojuve.com

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy