Juventus Tevez-dipendente. Llorente non segna più

Juventus Tevez-dipendente. Llorente non segna più

TORINO – Carlos Tevez, per la prima volta in campionato, è rimasto a secco. Finora è sembrato più una cambiale da onorare più che un attaccante, perché nelle prime cinque gare giocate ha sempre segnato, togliendo le castagne dal fuoco più volte. Con il Sassuolo si è limitato a fornire…

TORINO – Carlos Tevez, per la prima volta in campionato, è rimasto a secco. Finora è sembrato più una cambiale da onorare più che un attaccante, perché nelle prime cinque gare giocate ha sempre segnato, togliendo le castagne dal fuoco più volte. Con il Sassuolo si è limitato a fornire l’assist per il bel gol di Pogba. L’Apache ha giocato comunque una partita buona – non superlativa – e ha dimostrato una volta di più di essere la vera punta di diamante della Juve. Che, al momento, appare troppo dipendente dal proprio attaccante principe: quando si è inceppato non è riuscita a vincere, sia con l’Atletico che contro i neroverdi.

 

Poi c’è anche il caso Cesena, dove però i piemontesi erano stati tratti fuori dalle secche da Vidal, senza che l’argentino entrasse in campo, ben sostituito da Giovinco. La sensazione, differente rispetto alla scorsa stagione, è che Tevez sia praticamente inarrestabile, ma che poi rischia di magnetizzare su di sé l’intera manovra, diventando un terminale unico. Non è un caso se Llorente è ancora a secco di gol, mentre Morata ne ha siglato uno pressoché inutile ai fini del risultato: era il 3-0 all’Atalanta, in una partita chiusa dal rigore (sbagliato) da German Denis. Per le grandi di Allegri è una costante: lo è stato con Ibrahimovic al primo anno di Milan – devastante – lo è stato anche nella seconda stagione con la sfortuna di perdere Thiago Silva, Champions e campionato praticamente nello stesso mese. E la differenza con la Roma è proprio questa, la squadra di Garcia ha tanti giocatori intercambiabili, è arrivata sì a 17 punti nella scorsa stagione ma fino a poco prima era dietro di qualche incollatura. Con un organico più ampio le cose potrebbero cambiare. Anche perché, al di là delle parole dei calciatori che assicurano il prosieguo del progetto Conte pure con Allegri, sembra che qualcosa si sia modificato. (TMW)

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy