Juventus Primavera, stop con il Chievo

Juventus Primavera, stop con il Chievo

«Abbiamo giocato bene, è un peccato per il risultato – così Mister Grosso a fine partita – Faccio i complimenti al Chievo per la vittoria

juventus primavera

Nell’anticipo di campionato, nel pomeriggio di ieri a Vinovo, il Chievo passa sul campo della Juventus, che nonostante un match tutto sommato ben interpretato resta a bocca asciutta.

Partono bene i ragazzi di Fabio Grosso, che alzano la pressione fin dai primi minuti di gioco, conquistando dopo 10 giri di lancette un calcio di rigore che potrebbe essere la chiave per indirizzare il match nel migliore dei modi: purtroppo, però, il tiro di Morselli colpisce il palo e finisce sul fondo.

La Juve non molla e continua a controllare il gioco, pur senza produrre occasioni da gol clamorose, ma è il Chievo a colpire alla prima vera sortita offensiva, con una percussione di Kiyine al 31’ minuto, che non lascia scampo a Del Favero.

I bianconeri non si scompongono e continuano a interpretare la partita come hanno fatto da inizio partita: il gioco è avvolgente, la manovra veloce, ma le difficoltà arrivano quando è ora di trovare lo spazio decisivo per la conclusione in porta. Il copione è lo stesso anche nella ripresa, nella quale Grosso tenta di dare la svolta al match con gli ingressi di Clemenza, Zeqiri e Kastanos.

Il Chievo, rimasto in dieci dal 30’ della ripresa regge, nonostante l’arrembaggio finaleche per un paio di volte vede Confente salvare letteralmente la porta degli ospiti, dai pericoli portati da Kastanos prima e Vogliacco poi.

«Abbiamo giocato bene, è un peccato per il risultato – così Mister Grosso a fine partita – Faccio i complimenti al Chievo per la vittoria, noi dobbiamo continuare a lavorare sodo per proporre il nostro gioco e raccogliere più di quanto abbiamo raccolto oggi». A cominciare da martedì: è infatti già tempo di pensare alla importantissima trasferta di Youth League, contro il Siviglia.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy