Juve, troppo brutta, Marotta e Nedved lasciano l’auto a Parma per ‘marcare’ la squadra

Juve, troppo brutta, Marotta e Nedved lasciano l’auto a Parma per ‘marcare’ la squadra

Clamorosa sconfitta, ieri, per la Juventus a Parma. La prima in classifica, ormai quasi Scudettata, che ha perso contro l’ultima della classe. Il turnover e la testa già alla partita di martedì contro il Monaco, andata dei quarti di finale di Champions, non possono essere una giustificazione per una prestazione…

Clamorosa sconfitta, ieri, per la Juventus a Parma. La prima in classifica, ormai quasi Scudettata, che ha perso contro l’ultima della classe. Il turnover e la testa già alla partita di martedì contro il Monaco, andata dei quarti di finale di Champions, non possono essere una giustificazione per una prestazione così ‘molle’ come quella contro gli emiliani. Di questo ne è convinto il tecnico Massimiliano Allegri, che durante tutto l’arco della gara ha urlato a ripetizione nei confronti dei suoi giocatori, richiamandoli ad un ‘risveglio’ che però non c’è stato. Tanto che a fine gara Allegri si è presentato senza voce ai microfoni dei media per le interviste. E al rientro in campo per gli allenamenti, a Vinovo, il tecnico bianconero farà certamente sentire nuovamente tutta la sua delusione e rabbia per quanto avvenuto al ‘Tardini’, certo non il migliore approccio per il match coi monegaschi.

 

E nel post-partita di Parma si sono certo fatti sentire dalla squadra anche l’amministratore delegatoGiuseppe Marotta, il ds Fabio Paratici e il dirigente Pavel Nedved. I tre, infatti, arrivati al Tardini con la propria auto, dopo la gara l’hanno lasciata nei parcheggi dello stadio per far rientro a Torino sul pullman della squadra.

L’intenzione dei dirigenti bianconeri non è solo quella di far sentire ai giocatori la propria delusione per l’inattesa sconfitta, ma anche, e soprattutto, di tenere nella giusta tensione i giocatori e richiamarli ad un pronto riscatto, che passa in primo luogo dal confronto di Champions col Monaco ma anche dai prossimi impegni di campionato che dovranno essere quelli decisivi per cucire, per la quarta volta consecutiva, lo Scudetto sulle maglie bianconere. (goal.com)

Juvenews.eu

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy