JUVE – Possibile riposo per Pirlo

JUVE – Possibile riposo per Pirlo

TORINO – Dieci punti di distacco, dopo 14 giornate: il divario tra Juventus e Sampdoria, in termini di punti, è evidente, ma lo è molto meno in termini di classifica. Perché, se i bianconeri mantengono un ritmo inarrivabile per tutte tranne che per la Roma, i blucerchiati corrono come non…

TORINO – Dieci punti di distacco, dopo 14 giornate: il divario tra Juventus e Sampdoria, in termini di punti, è evidente, ma lo è molto meno in termini di classifica. Perché, se i bianconeri mantengono un ritmo inarrivabile per tutte tranne che per la Roma, i blucerchiati corrono come non tutti si sarebbero aspettati e corrono per il terzo posto, con una sola lunghezza di distanza rispetto ai rivali concittadini del Genoa. A cui, magari, Ferrero & co sognano di mettere pressione considerato l’incontro dei rossoblu con la Roma.

 

Non sarà certo facile, perché i liguri dovranno fare appunto visita alla prima della classe, appena ritornata tra le prime 16 d’Europa e pronta a riprendere la propria marcia, degna di un bulldozer, anche nel campionato italiano. Roberto Mancini, pochi mesi fa, ha dichiarato che, se potesse esprimere un desiderio, vorrebbe giocare di nuovo Juventus-Sampdoria. La bacchetta magica al momento è una prerogativa di Harry Potter e Gandalf, ragion per cui, al Mancio ed a tutti coloro che, per età o per difetto di particolari meriti sportivi, non possono avere il privilegio di giocarla, diamo appuntamento a domenica, ore 12:30, Juventus Stadium di Torino, arbitro Daniele Doveri di Roma. È il turno, appunto, di Juventus-Sampdoria.

COME ARRIVA LA JUVENTUS – Non un vero e proprio turnover, ma piccoli ritocchi rispetto agli undici che martedì hanno conquistato la qualificazione agli ottavi di Champions: è questa l’idea di Massimiliano Allegri in vista della sfida contro i blucerchiati. Anche in campionato la Juve tornerà al 4-3-1-2, dopo il breve revirement visto con la Fiorentina; tra i pali vi sarà ovviamente Gianluigi Buffon, mentre in difesa sarà assente per squalifica Giorgio Chiellini. Spazio quindi ad Angelo Ogbonna al fianco di Leonardo Bonucci; Stephan Lichtsteiner terzino destro, ballottaggio tra Patrice Evra e Simone Padoin sulla fascia sinistra, con il primo favorito. A centrocampo, smaltita l’influenza, tornerà Claudio Marchisio, che dovrebbe concedere un turno di riposo ad Andrea Pirlo, assieme ad Arturo Vidal e Paul Pogba, eletto miglior giocatore del mese di novembre dai tifosi bianconeri. Sulla trequarti dovrebbe giocare Roberto Pereyra. Ultimo dubbio in attacco, ormai ci dovremmo essere abituati, sul compagno di reparto di Carlos Tevez: Alvaro Morata, in panchina sia contro la Fiorentina che contro l’Atletico, potrebbe concedere il meritato riposo a Fernando Llorente.

COME ARRIVA LA SAMPDORIA – Qualche defezione in difesa ed una esclusione eccellente in attacco per rinforzare il reparto centrale: Sinisa Mihajlovic, tra necessità ed idee tattiche, potrebbe mettere da parte il 4-3-3 e spostarsi sul 4-3-1-2, peraltro come già avvenuto contro il Napoli due giornate fa. Il portiere sarà ancora Sergio Romero, mentre nel reparto arretrato Fabrizio Cacciatore (più difficilmente Michele Fornasier) e Daniele Gastaldello dovrebbero rilevare gli acciaccati Lorenzo De Silvestri, peraltro squalificato, e Matías Silvestre. Confermati per il resto Alessio Romagnoli e Djamel Mesbah. A centrocampo rientreranno Pedro Obiang e Roberto Soriano: quest’ultimo dovrebbe operare alle spalle delle punte, mentre in mediana oltre allo spagnolo vi dovrebbero essere Angelo Palombo e Luca Rizzo. Chiusura, come ovvio, sull’attacco: Éder è certo del posto, mentre Miha sembra intenzionato a lasciare in panchina uno tra Stefano Okaka e Manolo Gabbiadini, con il primo in leggero vantaggio per una pettorina da titolare. Salvo ovviamente che non si mantenga il 4-3-3, nel qual caso a sedersi in panchina dovrebbe essere Rizzo. (TMW)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy