JUVE – Ottimo inizio di Allegri

JUVE – Ottimo inizio di Allegri

TORINO – Alla fine ne resterà soltanto una o, forse, nemmeno quella. Dopo la quarta giornata di Serie A, complice il gol dell’ex De Ceglie a Parma, la Juventus di Massimiliano Allegri è rimasta l’unica squadra a non aver ancora subito un gol in campionato. Fino a qualche giorno fa,…

TORINO – Alla fine ne resterà soltanto una o, forse, nemmeno quella. Dopo la quarta giornata di Serie A, complice il gol dell’ex De Ceglie a Parma, la Juventus di Massimiliano Allegri è rimasta l’unica squadra a non aver ancora subito un gol in campionato. Fino a qualche giorno fa, la vecchia signora era in compagnia proprio della Roma: squadra che affronterà, in una sorta di spareggio per la fuga scudetto, il prossimo 5 ottobre allo “Stadium” di Torino. Dopo l’ottimo inizio, che sta facendo dimenticare ai tifosi la rabbia per aver perso Antonio Conte, il nuovo allenatore dei campioni d’Italia si frega le mani e guarda al vecchio continente. Prima della partita contro i giallorossi, infatti, la Juventus dovrà volare in Spagna e affrontare le insidie del “Vicente Calderon” di Madrid, dove il “Cholo” Simeone è ansioso di rimediare alla sconfitta incassata in Grecia. E’ proprio in terra iberica, e più precisamente dalle parti di Barcellona, che la Juventus ha trovato l’altra squadra che, fino ad ora, non ha incassato neanche un gol. La squadra di Leo Messi, infatti, comanda anche la speciale graduatoria dedicata alle difese spagnole: 5 partite, 4 vittorie, 1 pareggio e zero gol presi.

 

C’è da stare Allegri – Massimiliano da Livorno, detto “Acciughino”, come Luis Enrique? I numeri parlano chiaro, anzi mostrano uno “score” juventino leggermente più positivo rispetto alla concorrente. La squadra bianconera, infatti, può vantare un ruolino di marcia migliore rispetto a quella blaugrana. La Juventus, dopo quattro gare, può vantare un “percorso” di sole vittorie. Cosa che non può fare il Barcellona che, con una partita in più, è stato incatenato sul pareggio nella recente sfida in Liga contro il Malaga. Perse per strada le altre difese d’Europa ancora imbattute, Juventus e Barcellona guardano così, dall’alto, il resto del gruppone europeo rimasto ai piedi della salita. A seguire, affannosamente, Allegri e Luis Enrique sono rimasti in pochi: il Bayern Monaco ed il Benfica, che hanno incassato due gol, e più staccato il Chelsea di Mourinho che, nonostante i diversi pullman parcheggiati davanti alla porta di Courtois, ha già preso la bellezza di sette gol. (Calcio.fanpage.it)

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy